Consip: Nel 2011 oltre 5 mld euro il valore creato per la PA

21/06/2012 1541

Nel 2011 Consip ha generato, nei suoi diversi rami di attività, un valore per la Pubblica Amministrazione di 5,15 miliardi di euro. Questi sono i dati che emergono dal rapporto annuale 2011 della società del ministero dell'Economia, presentato oggi oggi a Roma dall’Amministratore Delegato, Domenico Casalino.

La stima, elaborata per Consip da un raggruppamento di società di consulenza internazionali, prende in considerazione non solo la riduzione ottenuta sui prezzi di beni e servizi - pari a oltre 4 miliardi di euro - ma anche altri tipi di risparmio: quelli di processo (legati alla semplificazione delle procedure, alla riduzione dei tempi, all’abbattimento del contenzioso), quelli da dematerializzazione (grazie all’utilizzo delle tecnologie informatiche), quelli ambientali (connessi all’acquisto di beni e servizi “verdi” che nel loro ciclo di vita consentono un risparmio alle amministrazioni).
Gli strumenti di e-procurement (approvvigionamento elettronico) messi a disposizione da Consip hanno consentito di “presidiare” una spesa complessiva delle pubbliche amministrazioni pari a 28,8 miliardi di euro. Nel corso dell’anno sono state 22 le gare pubblicate per convenzioni e 46 le convenzioni attive disponibili per la P.A.

Tra le amministrazioni che hanno scelto di servirsi di Consip per progetti informatici o di razionalizzazione degli acquisti, ricordiamo il Ministero della Giustizia, il Dipartimento della Programmazione economica della Presidenza del Consiglio dei ministri e i Dipartimenti del Tesoro, delle Finanze e della Ragioneria generale dello Stato del Mef.
L'amministratore delegato della societa', spiega che a regime, nel 2013, Consip stima di ampliare il suo bacino di spesa pubblica presidiata a 49 miliardi e sara' quindi "possibile" raddoppiare i risparmi.
Domenico Casalino ha inoltre annunciato l’arrivo della piattaforma Consip che darà alle imprese la possibilità di produrre un documento elettronico di certificazione, che sostituisce l'atto notarile.