CNI lancia critiche su obbligo polizze assicurative e un vademecum per ingegneri

06/08/2012 1957

Il 13 Agosto prossimo, con il DL 138/2011, entrerà in vigore l’obbligo di stipulare polizze assicurative professionali. Un aiuto pratico arriva dal CNI (Consiglio Nazionale degli Ingegneri): linee guida per agevolare le operazioni dei 230 mila ingegneri che dovranno rispettare la normativa. Chiarimenti su clausole, recessi, sottoscrizione, rischi e suggerimenti per scegliere la compagnia più valida cercano di aiutare i professionisti spesso smarriti di fronte a questo cambiamento.

Fino ad adesso, la nuova normativa ha sollevato parecchie critiche dal CNI e da molti ingegneri toccando i seguenti punti:

  • il libero professionista ha l’obbligo di assicurarsi, mentre le compagnie possono rifiutare il caso di un professionista ritenuto rischioso o non abbastanza vantaggioso;
  • l’obbligo di indicare gli estremi della polizza nel disciplinare l'incarico con il committente significa dover assicurare anche le attività a basso o nullo coefficiente di rischio;
  • l’impossibilità di attivare la polizza a lavori singoli svantaggia gli ingegneri che sono dipendenti;
  • gli ingegneri devono necessariamente mantenere attiva la polizza per poter coprire anche eventuali richieste di risarcimento danni.