Francesco Colangelo

Dipartimento di Ingegneria - Università di Napoli “Parthenope” – Unità di Ricerca Parthenope, INSTM

Archivio

Rifiuti

Trattamento reflui industriali: dall'Università di Napoli una soluzione smart, high tech ed ecocompatibile

L'Università di Napoli, tramite il suo spin-off SMART SEA, ha messo a punto il progetto SWANT, un'innovativa tipologia di impianto altamente tecnologico e innovativo, in grado di trattare ogni tipologia di refluo con un range elevato di carico inquinante. Il progetto ha rivolto particolare attenzione alla tutela dell'ambiente. Applicando soluzioni tecnologiche all’avanguardia è stata riscontrata una riduzione di almeno il 60% delle problematiche legate ad un sovradosaggio di chemicals.

Leggi

Calcestruzzi leggeri riciclati: proprietà meccaniche e termiche

Verso lo sviluppo sostenibile nell'ambito delle costruzioni, l'uso di rifiuti industriali sta riscuotendo un grande interesse, in particolare nel...

Leggi

Sostenibilità

Valutazione del consumo di acqua dolce di materiali da costruzione green

Negli ultimi anni, l'uso di materiali riciclati ha suscitato forte interesse. A tal proposito, gli aggregati artificiali leggeri risultano essere...

Leggi

Riciclo dei rifiuti solidi industriali per un economia circolare in edilizia

Questo studio si concentra sul riciclaggio di rifiuti solidi industriali, come ceneri volanti da incenerimento di rifiuti solidi urbani (RSU-FA), loppa d'altoforno macinata (GBFS) e fanghi di marmo (MS) per la produzione di aggregati leggeri attraverso il processo di granulazione a freddo a base di cemento.

Leggi

LCA di materiali da costruzione innovativi (LWA) ricavati da RSU

Ricerca sulla sostenibilità ambientale degli aggregati artificiali attraverso il confronto di tre diverse miscele ottenute da loppa d’altoforno e ceneri volanti provenienti dall'incenerimento di rifiuti solidi urbani.

Leggi

Gestione integrata dei rifiuti e sviluppo di prodotti ecologici mediante valutazione di impatto ambientale

La valutazione dell’impatto ambientale di malte geopolimeriche rinforzate, mediante l’utilizzo di fibre di rinforzo (fibre di canapa, fibre di basalto, fibre di vetro), al fine di limitare gli effetti negativi sull’ambiente e conferire miglioramenti in grado di fornire buone prestazioni meccaniche, sia in termini di rigidità e resistenza, sia di prestazione fisica.

Leggi

Valutazione del ciclo di vita di manufatti innovativi ecocompatibili per l’ingegneria idraulica

Lo studio proposto valuta le prestazioni ambientali di un prototipo di condotta idraulica ecocompatibile, realizzata in malta geopolimerica in alternativa ai leganti tradizionali

Leggi

ANALISI DEL CICLO DI VITA DI MANUFATTI ECOSOSTENIBILI PER L’EDILIZIA RESIDENZIALE

Riassunto I mattoni sono tra i materiali da costruzione più utilizzati nel corso della storia, ma la crescente domanda di materie prime e...

Leggi

Produzione di manufatti geopolimerici per l'edilizia residenziale nella Regione Campania

L’interesse della comunità scientifica si è recentemente focalizzato verso la realizzazione e l'uso di materiali alternativi, come i geopolimeri, che rappresentano una grande opportunità in termini di sostenibilità nel settore delle costruzioni e di recupero ed impiego di rifiuti solidi speciali non pericolosi come le terre da scavo, i sedimenti da invasi artificiali, le ceneri volanti o le scorie d'altoforno, in qualità di precursori solidi.

Leggi

Calcestruzzo Armato

Analisi LCA della produzione di aggregati innovativi per l'accumulo termico

Questo lavoro tratta i materiali per accumulo termico, con particolare attenzione ai materiali a cambiamento di fase per accumulo di calore latente, ed il loro possibile inglobamento in calcestruzzi ed aggregati artificiali per materiali cementizi da impiegare nel settore edile

Leggi

Valorizzazione del processo di trattamento dei rifiuti da C&D attraverso la marcatura CE dei prodotti e recupero dei fanghi di lavaggio

I rifiuti derivanti da attività di demolizione e costruzione di edifici o da scavi di manti stradali sono considerati rifiuti speciali (art. 184 D.Lgs 152/2006) e devono pertanto essere smaltiti o recuperati senza recare danni all’ambiente e alla salute dell’uomo.

Leggi