Cessione del Credito | Superbonus | Ecobonus
Data Pubblicazione:

Cessione del credito Superbonus, novità dal DL Aiuti Quater in conversione: una cessione in più per le banche e prestiti SACE a garanzia

Le principali novità previste dentro il pacchetto di emendamenti governativi all'articolo 9 del DL 176/2022 (Aiuti-Quater), depositati in Senato, sono rappresentate dall'innalzamento dell'attuale limite normativo di un ulteriore cessione a favore di soggetti qualificati (banche, assicurazioni, gruppi bancari) e l'introduzione di una garanzia Sace sui prestiti concessi dalle banche alle imprese.

Il meccanismo della cessione dei crediti da bonus edilizi, in primis Superbonus, sta per essere modificato ancora una volta: l'esame al Senato del Decreto Aiuti-Quater (da convertire in legge), l'ultimo provvedimento che ha introdotto novità in materia (possibilità di utilizzo dei crediti in 10 rate annuali, invece che in 4 o 5 come in precedenza), si focalizza in queste ore sull'articolo 9, quello dedicato al Superbonus.

Il Governo, nella giornata del 14 dicembre, ha infatti depositato in Senato (Commissione Bilancio) il pacchetto degli emendamenti riformulati al DL Aiuti-Quater in conversione, che riguardano le modifiche al meccanismo della cessione dei crediti.

CILA-S: niente proroga nel DL Aiuti-Quater, qualche speranza in Manovra

Il balletto non finisce. Prima sì, poi no, poi forse, poi ancora no, poi 'vediamo'.

Il Governo, che si era confermato irremovibile a prorogare le CILA-S dei condomini (per beneficiare ancora del 110%) oltre il 25 novembre, lascia qualche spiraglio per l'inserimento in Legge di Bilancio 2023: in questo senso nella giornata del 15 dicembre c'è stata un'apertura del ministro Giorgetti.

In ogni caso, non ci sarà nessuna novità nella conversione del DL Aiuti-Quater, poi vedremo quello che succederà.

Cessione del credito: prestiti SACE per monetizzare i crediti

Una delle modifiche che potrebbe passare è quella che vede l'intervento della SACE (Sezione speciale per l'Assicurazone del Credito all'Esportazione, controllata dal MEF) a garanzia dei prestiti che le banche e gli altri soggetti abilitati all'esercizio del credito concederanno alle imprese per trasformare i crediti edilizi in liquidità.

Tradotto: un'impresa che ha effettuato lavori 'passibili' di SuperEcobonus, SuperSismabonus, Eco e Sismabonus ordinari e Bonus Facciate o Bonus Ristrutturazioni, col meccanismo dello sconto in fattura e quindi 'comprando' il credito del contribuente/committente dei lavori, se non c'è un soggetto disposto ad acquisirlo, potrà ottenere un prestito garantito dallo Stato.

La possibilità, però, sarà valida solo per i crediti maturati alla data del 25 novembre 2022.

Una cessione in più per le banche

Oltre alla garanzia SACE, un'altra novità allo studio del Governo è l'aumento delle cessioni, che passeranno dalle attuali 4 a 5, tramite l'aumento, da 2 a 3 volte, del numero di passaggi consentiti tra i soggetti qualificati, cioè le banche, i gruppi bancari, le assicurazioni.

In questo caso, la possibilità di disporre di un'ulteriore cessione sarà valida anche sia per i crediti maturati dopo l'entrata in vigore della legge di conversione del DL Aiuti-Quater, che per le cessioni comunicate prima.

I tempi per la conversione in legge

Ovviamente, per la conferma - e l'effettiva entrata in vigore - di queste modifiche si attende un testo della legge di conversione 'emendato', che poi dovrà essere definitivamente approvato dal Parlamento. Le tempistiche prevedono la conversione entro 60 giorni dalla pubblicazione in GU del primo DL 176, avvenuta, lo ricordiamo, lo scorso 18 novembre (quindi, calendario alla mano, entro il 17 gennaio).


IL PACCHETTO DEGLI EMENDAMENTI RIFORMULATI AL DL AIUTI-QUATER IN CONVERSIONE (IL PRIMO E' QUELLO CHE RIGUARDA IL SUPERBONUS) E' SCARICABILE IN FORMATO PDF PREVIA REGISTRAZIONE AL PORTALE

Allegati

Leggi anche