Energie Rinnovabili
Data Pubblicazione:

Energie rinnovabili in crescita: installazioni a +70% sul 2020.

Rinnovabili in crescita in Italia: al 31 dicembre '21 si registra un totale cumulato di 1.376 MW con 57.7 GW installati. Ma per raggiungere gli obiettivi 2030 è necessario accelerare, intervenendo sulle barriere autorizzative, emanando i provvedimenti attuativi del Dlgs di recepimento della RED II, garantendo la stabilità normativa ed attuando il PNRR.

Rinnovabili: per centare gli obiettivi 2030 è necessario accelerare

Secondo l’Osservatorio FER realizzato da ANIE Rinnovabili, associazione di ANIE Federazione, sulla base dei dati Gaudì di Terna del 2021 si registra un totale cumulato di 1.376 MW così suddiviso: 936 MW per fotovoltaico, 427 MW per eolico, 14 MW per idroelettrico e 1 MW per bioenergie. Al 31 dicembre 2021 in Italia risultano installati complessivamente 57,7 GW. Per raggiungere gli obiettivi al 2030 è indispensabile accelerare lo sviluppo delle FER, intervenendo sulle barriere autorizzative, emanando i provvedimenti attuativi del Dlgs di recepimento della RED II, garantendo la stabilità normativa ed attuando il PNRR.

 

Confronto tra capacità installata nel 2021 e target del PNIEC

 

Tale risultato è frutto di variazioni di potenza degli impianti esistenti, dovute a potenziamenti, depotenziamenti e dismissioni con un risultato complessivo negativo di -21 MW così distribuiti: +50 MW di fotovoltaico, +1 MW di eolico, -22 MW di idroelettrico e -50 MW di bioenergie.

Nel 2021 si registrano nuove installazioni per un totale di 1.397 MW (+70% rispetto al 2020, anno segnato dal covid, e +15% rispetto al 2019) con andamenti diversificati per i diversi comparti: 886 MW per fotovoltaico (+36%), 426 MW per eolico (+368%), 35 MW per idroelettrico (-50%) e 50 MW per bioenergie (+500%).

Più in dettaglio, si evidenzia che nel 2021:

  • Il fotovoltaico è in costante crescita rispetto all’anno 2020 per quanto riguarda tutte le taglie, ad esclusione degli impianti di potenza > 1 MW e di quelli di potenza inferiore ai 3 kW;
  • L’eolico è in forte ripresa soprattutto grazie ad impianti di potenza superiore ai 5 MW;
  • Il comparto dell’idroelettrico è esclusivamente trainato dagli investimenti sui piccoli impianti.

Malgrado le previsioni di crescita nel 2022 siano positive, si teme che l’escalation dei costi dei materiali e della loro reperibilità sul mercato possa generare un’involuzione del settore.

 

Analisi nuovi impianti

Fotovoltaico

Il fotovoltaico raggiunge quota 886 MW di potenza connessa nell’intero 2021. 

Le regioni che, nel 2021, hanno incrementato di almeno l’85% rispetto al 2020 la potenza installata sono Calabria (+96%), Lazio (+152%), Puglia (+103%) e Trentino Alto Adige (+86%), mentre le uniche con una tendenza negativa sono Molise (-10%) e Sardegna (-61%).  

Le installazioni, nel 2021, di potenza inferiore ai 10 kW costituiscono il 39% del totale, quelle di potenza superiore, sino ad 1 MW, il 52% e, infine, quelle di potenza superiore ad 1 MW il restante 9%. Complessivamente sono stati connessi alla rete da gennaio a dicembre 2021 poco oltre 80.500 impianti. 

Analizzando l’andamento trimestrale, il contributo maggiore si è concentrato nel periodo successivo al 1° trimestre 2021.

 

Potenza connessa nel 2021-fotovoltaico

 

Analizzando nel dettaglio le variazioni tendenziali (2021 vs 2020) nel 4° trimestre (Q4) dell’anno si è registrato un incremento di potenza installata (rispettivamente +88% ad ottobre, +52% a novembre e +144% a dicembre). La media mensile del 4° trimestre 2021 si attesta sui 95 MW, in crescita rispetto ai 49 MW del 4° trimestre 2020.

Esaminando i dati dell’ultimo triennio si constata un incremento delle taglie comprese tra 6 e 10 kW, e tra 500 kW e 1 MW. Si è fermato il segmento degli impianti utility scale a causa delle criticità autorizzative, mentre si stima considerevole l’impatto del superbonus sugli impianti residenziali: +165 MW (+62% rispetto al 2020) distribuiti su 24.152 impianti (+46% rispetto al 2020) di potenza inferiore ai 20 kW.

 

Fotovoltaico- Storico

 

Eolico

Per l’eolico nel 2021 si osserva un trend di crescita con 426 MW di nuova potenza installata.

A livello regionale, nel 2021 si registra una decrescita di potenza connessa rispetto al 2020 per Calabria e Trentino Alto Adige, e, al contrario, un incremento di potenza in Basilicata, Campania, Liguria, Puglia, Sardegna e Sicilia grazie all’attivazione di nuovi impianti.

Per quanto riguarda la diffusione territoriale, la maggior parte della nuova potenza connessa (95%), è localizzata nelle regioni del Sud Italia ed isole maggiori.

Secondo le variazioni tendenziali, in notevole aumento rispetto al 4° trimestre 2020 il contributo dell’eolico con 238 MW distribuiti su 39 nuove installazioni. In particolare, sono stati installati tre impianti, di cui uno da 20,7 MW e due per un totale di 96,5 MW, a Potenza, uno da 7,9 MW a Palermo, uno da 38,5 MW a Trapani, uno ad Avellino da 25,2 MW, uno a Savona da 20 MW e, infine, uno da 21 MW a Foggia. In tutto il resto del territorio, invece, non si rilevano variazioni.

 

Potenza connessa 2021-eolico

 

Analizzando il trend nell’ultimo triennio è evidente che le tariffe incentivanti hanno permesso soprattutto lo sviluppo di impianti di potenza superiore a 5 MW.

 

Storico potenza connessa-2021

 

Idroelettrico

In calo l’andamento dell’idroelettrico nel 2021 con 35 MW di nuova potenza connessa.

Dal punto di vista regionale, Lombardia, Piemonte e Trentino Alto Adige risultano le più attive sulla fonte dell’idroelettrico, nonostante facciano registrare una diminuzione di nuova potenza connessa rispetto al 2020; in Valle d’Aosta si è riscontrata la maggior diminuzione di potenza installata rispetto al 2020.

Dei complessivi 147 nuovi impianti installati nel 2021, di cui solo 6 risultano di potenza superiore ad 1 MW (uno situato a Bergamo da 1,4 MW, uno a Torino da 1,7 MW, uno a Bolzano di potenza pari a 1,8 MW, uno a Trento di potenza pari a 1,6 MW e due a Belluno da 3,2 MW complessivi), l’85% è ubicato nel nord Italia. 

L’idroelettrico è l’unico comparto rinnovabile che nel 4° trimestre 2021, rispetto allo stesso periodo del 2020, ha conseguito un decremento di nuova potenza installata.

 

Idroelettrico-Potenza connessa

 

Analizzando l’evoluzione dell’ultimo triennio si conferma l’interesse per le piccole taglie, in particolare quelle al di sotto dei 250 kW.

 

Idroelettrico-Potenza connessa-storico

 

Bioenergie

In ripresa il contributo delle bioenergie che complessivamente nel 2021 si attestano sui 50 MW di potenza installata (+500% rispetto al 2020) su 88 nuovi impianti.

Dall’analisi delle nuove installazioni si conferma l’interesse per gli impianti di taglia media nel corso dell’ultimo anno, anche se il contributo maggiore è stato fornito da due impianti di grande taglia installati in Emilia Romagna, complessivamente di potenza pari a circa 30 MW.

 

Bioenergie-Potenza connessa

 

Analisi tendenziale

Focalizzandosi sul 4° trimestre 2021 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico, idroelettrico raggiungono complessivamente 534 MW (+173% rispetto al 4° trimestre 2020) con andamenti positivi per fotovoltaico (+93%) ed eolico (+552%) e andamento negativo per il comparto idroelettrico (-1%). 

 

Analisi congiunturale

Dall’analisi delle variazioni congiunturali le FER nel 4° trimestre del 2021 (Q4 2021) raggiungono un risultato positivo in tutti i comparti rispetto al 3° trimestre (+50%). Nello specifico, il fotovoltaico registra un +16% di nuova potenza installata, l’eolico un +127% e l’idroelettrico un +71%. In generale, si evidenzia un trend in costante crescita per tutti i trimestri del 2021, soprattutto grazie all’apporto di fotovoltaico ed eolico.

 

Potenza connessa nel trimestre di riferimento

Nasce l'Osservatorio normativo

Si arricchisce l’Osservatorio FER su dati Gaudì di Terna con l’Osservatorio Normativo, che ha lo scopo di monitorare l’avanzamento dei lavori relativo ai provvedimenti attuativi previsti dai decreti legislativi di recepimento delle direttive europee sulle fonti rinnovabili e sul mercato elettrico e impattanti sul settore delle fonti rinnovabili elettriche.

 


SCARICA E LEGGI IL REPORT DELL'OSSERVATORIO GAUDI (IN ALLEGATO)


 

ANIE Federazione, con oltre 1.500 aziende associate e circa 500.000 occupati, rappresenta il settore più strategico e avanzato tra i comparti industriali italiani, con un fatturato aggregato di 84 miliardi di euro (di cui 30 miliardi di esportazioni). Le aziende aderenti ad ANIE Federazione investono in Ricerca e Sviluppo il 4% del fatturato, rappresentando più del 30% dell’intero investimento in R&S effettuato dal settore privato in Italia.

ANIE Rinnovabili è l’associazione che all’interno di ANIE Federazione raggruppa le imprese costruttrici di componenti e impianti chiavi in mano, fornitrici di servizi di gestione e di manutenzione, produttrici di elettricità in Italia e all’estero nel settore delle fonti rinnovabili: fotovoltaico, eolico, biomasse, geotermoelettrico, idroelettrico e solare termodinamico.

ANIE Rinnovabili

ANIE Rinnovabili è l’associazione che all’interno di ANIE Federazione raggruppa le imprese costruttrici di componenti e impianti chiavi in mano per la produzione di energia da...

Scheda

Contatti: Sito Web