14987 visualizzazioni Parquet | Legno | Pavimenti per Interni
Data Pubblicazione:

Il bambù: cos’è e come si posa?

State cercando un materiale solido ed ecocompatibile con aspetto unico? La risposta è il BAMBÙ. Di seguito un approfondimento sui pavimenti in legno di bamboo.

State cercando un materiale solido ed ecocompatibile con aspetto unico? La risposta è il BAMBÙ. Di seguito un approfondimento sui pavimenti in legno di bambù.


Il bambù, una risorsa rinnovabile

Una delle maggiori minacce per l‘umanità è indubbiamente lo sfruttamento illimitato delle risorse naturali della terra. Una di queste risorse è il legno, in particolare quello delle specie tropicali.

Pianta di bambooIl bambù rappresenta un’eccellente alternativa, non è un albero, ma una “specie arborea”, che si indurisce e cresce molto velocemente.

Nella stagione della crescita il “bambù gigante “, cresce dai 30 ai 50 cm al giorno e può raggiungere un’altezza dai 15 ai 20 metri, con una circonferenza dei fusti (detti CULMI ) di oltre 35 cm.

Esistono più di 1300 specie di bambù al mondo. La riserva più importante di bambù al mondo si trova in Cina.

La materia prima il “PHYLLOSTACHYS PUBESCENS” cresce nelle piantagioni della Cina, dove la pianta del bambù è pronta per la lavorazione dopo 6 anni dalla sua piantumazione.

Molto meno tempo rispetto alla maggior parte delle specie di legno (duro), a cui occorrono almeno 20 anni.
Con la caratteristica struttura ad “anello” del fusto, i prodotti ricavati dal bambù hanno un aspetto davvero speciale: gli anelli sono visibili come “nodi” sulla superficie e questo conferisce ai prodotti l’aspetto caratteristico di bambù.

Oltre ad essere un materiale ecocompatibile, numerose ricerche di medicina naturale e di bioarchitettura hanno dimostrato le capacità terapeutiche del bambù, il quale oltre a dare calore durante l‘inverno e fresco in estate, grazie all‘influenza cromatica e tattile, permette di attenuare la depressione e potenziare la vista.

 

Caratteristiche tecniche del bambù da pavimentazioni

La durezza del bambù avente un’umidità del 12% è di 4,7 kg/mm2.
Per dare un termine di paragone: rovere, teak e iroko hanno durezza di circa 3,5 kg/mm2, mentre doussiè, afrormosia e wengè 4,0 kg/mm2.
La stabilità dimensionale del bambù, testata secondo i comuni standard di stabilità per pavimenti in legno, ha mostrato un coefficiente di cambiamento di 0,0144 che è 2,5 volte più stabile dei comuni legni per pavimenti.

 

Parquet in bamboo

La resistenza alla compressione è pari a circa 640 kg/cm2.
La resistenza alla trazione è pari a circa 1948,20 kg/cm2.
Il modulo di elasticità è di circa 943,443 PSI.

 

Tipologie di pavimenti in bambù

Esistono due tipologie di pavimenti in bamboo: massello e tre stati.

  • Massello: listoni interamente in essenza.
    Dimensioni indicative 15x90x900 mm.
    Disponibili nelle versioni naturale orizzontale, naturale verticale, evaporato orizzontale, evaporato verticale.
    Viene fornito grezzo (da levigare e trattare in opera) o preverniciato.
    Va posato a colla su massetto cementizio o pannelli in truciolare tipo Sialite.

  • Tre strati: composto da una plancia superficiale in essenza di spessore 4,0 mm, uno strato centrale in listellare di conifera ed una controplancia sempre in conifera .
    Dimensioni indicative 15x190x1900 mm.
    Viene fornito preverniciato sia nella versione naturale che evaporata.
    Si può posare flottante che incollato.

 


SPECIALE

Parquet e pavimenti in legno: tutto quello che bisogna sapere

Parquet e pavimenti in legno: tutto quello che è importante sapere

Una raccolta di appunti tecnici dedicata alle caratteristiche principali, alla posa in opera e alla manutenzione dei pavimenti in legno.

Con l'obiettivo di dare un supporto immediato ai nostri lettori interessati a capire di più sul tema, abbiamo realizzato questa pagina di collegamento a diversi articoli pubblicati sul nostro portale grazie al contributo di tecnici esperti ed in particolare di Paolo Rettondini.

LINK allo Speciale a cura di Paolo Rettondini


 

Come vengono prodotti i pavimenti in bambù

  1. Realizzazione di strisce mediante taglio longitudinale delle canne;
  2. Piallatura delle strisce per rimuovere la corteccia e le parti sporgenti degli anelli di
    accrescimento;
  3. Essicazione in forno e trattamento antitarlo;
  4. Esposizione all’azione del vapore per conferire al materiale un colore ambrato
    (solo per l’evaporizzato);
  5. Realizzazione dei pannelli mediante incollaggio e pressatura;
  6. Stoccaggio e stabilizzazione dell’umidità;
  7. Realizzazione mediante fresatura degli incastri M/F;
  8. Verniciatura UV;
  9. Controllo qualità;
  10. Imballaggio.

Orizzontale e verticale: le strisce di bambù, che hanno dimensioni 5x15 mm, possono essere incollate tra loro orizzontalmente o verticalmente. Nel primo caso saranno più evidenti gli anelli di accrescimento.

 

[...] L'articolo continua nel PDF in allegato. Si parlerà di varie pose differenti (in opera su massetto riscaldato, incollata e galleggiante)


SCARICA* E LEGGI L'ARTICOLO INTEGRALE

*Previa registrazione gratuita al sito di INGENIO

 

Per scaricare l’articolo devi essere iscritto.

Iscriviti Accedi