Geologia e Geotecnica | Normativa Tecnica | Software Strutturali | CONCRETE SRL
Data Pubblicazione: | Ultima Modifica:

Il calcolo delle paratie con la Circolare n.7 del C.S. LL.PP.

Le nuove norme tecniche per le costruzioni introdotte nel 2018 e la recente uscita della Circolare C.S.LL.PP. n.7, hanno cambiato anche la modalità di calcolo delle paratie, manufatti in cemento armato o acciaio utilizzati frequentemente per il sostegno di scavi o pendii. In questo documento tecnico si intende chiarire come cambia, nella pratica operativa, l’analisi e la verifica utilizzando un software di calcolo specifico.

Approcci e Combinazioni di calcolo in NTC 2018

Come è noto, la revisione delle norme tecniche del DM 17/01/2018 per le costruzioni nell’ambito geotecnico ha notevolmente semplificato le combinazioni di calcolo, mantenendo l’Approccio DA1, o Completo, basato sulla doppia famiglia STR+GEO, per le sole strutture ad alta interazione con il terreno.

In particolare l’Approccio DA1 compare ora solo nelle verifiche di stabilità globale dei Pendii naturali [§6.3] e dei Fronti di scavo [§6.8], per le Paratie [§6.5.3.1.2] e per le Opere in sotterraneo [§6.7].

Per tutti gli altri tipi di opera, incluse tutte le fondazioni, si utilizza l’Approccio DA2 con la combinazione A1+M1+R3. Le relative tabelle dei fattori parziali R riportano infatti il solo valore R3.


Analisi di interazione terreno-struttura in NTC 2018

Le NTC 2018 affrontano la problematica, in precedenza mai affrontata, dell’interazione terreno-struttura. Se ne accenna in due punti: §6.2.4.1.3 e §6.5.3 di cui si riporta uno stralcio.

6.2.4.1.3 Verifiche strutturali con l’analisi di interazione terreno-struttura
Le analisi finalizzate al dimensionamento strutturale nelle quali si consideri l’interazione terreno-struttura si eseguono con i valori caratteristici dei parametri geotecnici, amplificando l’effetto delle azioni con i coefficienti parziali del gruppo A1.”
6.5.3 Verifiche agli stati limite
Le verifiche eseguite mediante analisi di interazione terreno-struttura o con metodi semplificati devono sempre rispettare le condizioni di equilibrio e congruenza e la compatibilità con i criteri di resistenza del terreno. È necessario inoltre portare in conto la dipendenza della spinta dei terreni dallo spostamento dell’opera.”


Con la normativa precedente (NTC 2008) i fattori parziali si applicavano alle azioni, o all’effetto delle azioni, ed ai parametri geotecnici. La variazione di questi ultimi comporta notoriamente varie problematiche, tra cui:

  • Variazione delle spinte tra una combinazione e l’altra;
  • Variazione delle rigidezze su sistemi non lineari;
  • Necessità di ricalcolo in numerose famiglie.

Le NTC 2018, come riportato nel 6.2.4.1.3, consentono invece l’utilizzo dei valori caratteristici dei parametri geotecnici, amplificando a posteriori l’effetto delle azioni trovate. Il testo di quell’articolo è piuttosto stringato e non si trovano indicazioni di dettaglio su vari aspetti operativi, ad esempio su come applicare la fattorizzazione prevista.

CONTINUA LA LETTURA NEL PDF

Per scaricare l’articolo devi essere iscritto.

Iscriviti Accedi

Allegati