Renzi: nasce CASA ITALIA, il progetto per la sicurezza sismica del Paese

26/08/2016 23464

Nel Consiglio dei Ministri del 25 agosto il governo ha preso le prime decisioni sugli interventi post-terremoto.

Sono stati stanziati 50 milioni di euro per gli interventi legati alla fase di emergenza e bloccati i prelievi fiscali per le popolazioni colpite.

E’ stata anche annunciata la nascita del progetto 'Casa Italia' per cercare, come ha affermato Renzi, "tutti insieme, al di là delle visioni politiche", di mettere in piedi un sistema di prevenzione infrastrutturale che eviti per il futuro la triste conta dei morti che colpisce l'Italia dopo ogni terremoto.Renzi ha sottolineato che Progetto Casa Italia nasce per fare quello che non si è fatto negli ultimi 70 anni.

Per quanto riguarda la ricostruzione di paesi e borghi il governo ha annunciato che non si procederà con la costruzione di una new town, come fatto  per l'Aquila, ma interventi "il più veloce possibile" e decisi insieme ai sindaci.

Il Cdm ha anche dato via libera in via preliminare a quattro decreti di riforma della pubblica amministrazione che disciplinano la riforma della dirigenza pubblica,la semplificazione delle attivita' degli enti di ricerca, il comitato paraolimpico e il riordino delle Camere di Commercio.


———-----

Commento

Come purtroppo avevamo anticipato in questi anni ci sarebbe voluto un altro terremoto per dare una scossa al governo sul tema della sismica. (vedi ultimo nostro editoriale sui 40 anni del terremoto del Friuli)

Innanzitutto le Norme Tecniche.

Ricordiamo che la commissione Karrer completò i lavori di revisione delle norme nel novembre 2012. Ricordiamo che il nuovo reggente del Consiglio Sup.LL.PP. - l'ing. Massimo Sessa - riattivò la commissione per ulteriori correzioni, fino all’approvazione in assemblea del novembre 2014.

Sottolineiamo che l’elemento innovativo di queste norme sta proprio sull’approccio sul tema della sismica, in particolare sulla parte degli interventi sul costruito, dove si rafforza il concetto di miglioramento sismico (ecco il commento sul nuovo testo di Sessa, Braga, Croce e Cardinale). Un concetto fondamentale, perchè altrimenti diventa impossibile dal punto di vista economico intervenire in modo diffuso sul Paese.

Norme quindi fondamentali per dare il via alla messa in sicurezza del patrimonio immobiliare pubblico e privato che oggi si vuole realizzare con il progetto CASA ITALIA.

Alcune domande nascono spontanee: perchè dal 2014 ad oggi ancora non si è arrivati all'approvazione di queste nuove norme ?  perchè si è dovuto aspettare l’ennesima tragedia perchè il governo si dovesse accorgere che c’è la necessità di procedere più speditamente su questo tema ? Che cosa ha fatto in questo periodo il Ministro Delrio, che oggi ricorda il suo passato di sindaco nell’area del cratere. Questo suo passato di sindaco in questi mesi perchè non l’ha utilizzato per fare approvare, con regime di urgenza le nuove norme ?

E la nota critica non si ferma qui. Non si può fermare qui.

Il Ministro Lupi formò una commissione con i principali esperti italiani e internazionali di sismica - Franco Braga, Gian Michele Calvi, Mauro Dolce, Gaetano Manfredi - il provveditore Pietro Baratono, il Servizio Tecnico Centrale e l’Associazione ISI (che ne ha gestito la segreteria) per la realizzazione delle LINEE GUIDA DELLA CLASSIFICAZIONE SISMICA. Questa commissione completò i lavori prima delle dimissioni di Lupi (marzo 2015).

(Leggi la presentazione del documento)

Un Documento fondamentale, perchè necessario per il rilascio degli incentivi per il miglioramento sismico, un documento fondamentale per creare una coscienza comune sul pericolo sismico, un documento fondamentale per cambiare il mercato immobiliare italiano, lasciato nel cassetto dal MInistro Delrio probabilmente solo perchè frutto delle decisioni del suo predecessore o perchè osteggiato dalla lobby dei costruttori immobiliari. Ora, solo ora, viene passato al Consiglio Superiore dei LLPP per essere esaminato, così si allungheranno ulteriormente i tempi, per valutare un documento che ripeto è stato predisposto dai migliori esperti internazionali.

Perchè questi due passaggi normativi sono fondamentali per poter avviare una concreta azione di prevenzione sismica in ambito pubblico è privato qualsiasi tecnco lo può spiegare: qui non si parla di miglioramento energetico, dove basta la sostituzione di un infisso per dimostrare che si è ottenuto un isolamento maggiore. Nel caso della sicurezza strutturale è necessario il coinvolgimento - sempre - di un professionista abilitato e di norme che rendano possibile da un lato la realizzazione di un intervento non di adeguamento (in alcuni casi troppo oneroso) ma di miglioramento e dall'altro, ai fini della erogazione dell'incentivo, la valutazione del miglioramento conseguito.

Caro Renzi, se vuoi fare partire CASA ITALIA con fondamenta sufficientemente solide occorre un cambio della squadra; la domanda che ti poniamo è: possiamo affidarci a un Ministro dei LLPP che non è stato capace in due anni di fare approvare due DOCUMENTI PRONTI E NECESSARI per la messa in sicurezza del Paese ?

Andrea Dari

INGENIO