Ricostruzione Ponte Morandi Genova: una decina di progetti presentati

Ponte Morandi sul Polcevera: tra le imprese che hanno presentato una candidatura per la ricostruzione anche Pizzarotti, Fagioli, Cimolai e una cordata ligure guidata da Carena

Ponte Morandi: scaduto il tempo per la presentazione delle aziende

Salini Impregilo, Fincantieri (queste due assieme a Italferr), Italferr, Cimolai, Gruppo Fagioli, Pizzarotti, Rizzani de Eccher, Siag, Leonardo e l'austriaca Strabag, ma anche Italiana Costruzioni e altre dell'ultim'ora: in tutto, sono una decina i progetti per la ricostruzione del viadotto Morandi, e la demolizione dei tronconi rimasti dopo il crollo del 14 agosto scorso, sui quali ha già cominciato a lavorare il collegio di esperti della struttura commissariale guidata dal sindaco di Genova, Marco Bucci.

Inoltre, sono arrivate proposte per la parte di verifica tecnico-amministrativa della progettazione preventiva delle opere di demolizione e ricostruzione, da parte dell’italiana Conteco Check e dalla divisione Italia della francese Bureau Veritas. Infine, per project management e direzioni lavori (cioè coordinamento progettuale e supporto tecnico alla struttura commissariale) una manifestazione d’interesse è arrivata dal Rina.

Bucci, in merito, ha spiegato che il collegio commissariale "darà una valutazione tecnica dei progetti. Dopo di che decideremo: mi auguro, la settimana prossima, di essere già in condizione di poter iniziare la negoziazione". Ieri, infine, un accordo tra Credit Agricole e Confindustria Genova ha messo in campo un plafond da 50 milioni, per finanziamenti e linee di credito, per le imprese colpite dai disagi causati dal crollo del viadotto.

Ricordiamo che le candidature pervenute entro le ore 12 del 26 novembre 2018 non contengono progetti completi, ma un preliminare di fattibilità con le informazioni essenziali, tra le quali i tempi di realizzazione, il costo, la tipologia e l'entità delle interferenze legate alla costruzione (cioè le conseguenze sul circondario, visto che si tratta di demolire un troncone e allestire un cantiere di proporzioni gigantesche).

VAI ALL'APPROFONDIMENTO SUL CROLLO DEL PONTE MORANDI DI GENOVA