Urbanistica: la SCIA è ricevibile anche se inviata allo sportello sbagliato

Matteo Peppucci - Collaboratore INGENIO 05/12/2018 2100

Tar Campania: la segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) è "ricevibile" anche se l'interessato ha inviato il documento a uno sportello diverso da quello competente

SCIA: se si sbaglia sportello, è ricevibile lo stesso

Professionisti tecnici, siete salvi in caso di piccole sviste: la SCIA è "ricevibile" dal comune anche se per errore viene presentata allo sportello comunale sbagliato (e quindi non al SUAP).

Lo ha affermato il Tar Campania, sezione di Salerno, con la recente sentenza 1684/2018, che ha annullato la nota del comune che aveva comunicato al mittente l’irricevibilità della sua SCIA. Nel caso specifico, la segnalazione riguardava la realizzazione di interventi di manutenzione ordinaria su un immobile sottoposto a istanza di condono, respinta come irricevibile perché non presentata "a mezzo SUAP", nonché perché è necessario acquisire la "comunicazione di silenzio assenso secondo il disposto dell'art. 39, c.4, della L. 724/94 da parte dell'Ufficio comunale competente".

Secondo i giudici amministrativi, "costituisce un principio generale di buon andamento dell'azione amministrativa quello secondo cui nell'ambito dello stesso plesso, soprattutto quando esso non si strutturi in una complessa ed articolata macchina burocratica, non è possibile che accada che un ufficio in cui esso si articola opponga al privato la mancata disamina di una pratica per non essere stata quest'ultima presentata all'ufficio competente". Semmai, il rifiuto della PA "può avvenire per respingere una domanda al momento della sua presentazione, indirizzando il privato presso l'ufficio competente, ma non quando la domanda è stata ricevuta"

Il Tar giudica altresì "fuori tema" la giurisprudenza invocata dalla difesa dell’ente locale campano, che attiene al diverso caso in cui si fosse opposta quale motivazione del diniego/irricevibilità la mancata presentazione per via telematica della SCIA e non si attaglia al presente caso, in cui la motivazione del provvedimento non fa leva su questa circostanza, ma sul fatto che la SCIA "deve essere presentata a mezzo SUAP".

LA SENTENZA INTEGRALE E' DISPONIBILE IN FORMATO PDF