Piano di recupero sismico degli immobili statali: ecco i bandi di Marche ed Emilia-Romagna

Progettisti tecnici e verifiche di vulnerabilità sismica: le gare coinvolgeranno oltre 800 immobili nelle zone a più elevato rischio. Dopo Friuli e Calabria, ecco Emilia-Romagna e Marche

Verifiche di vulnerabilità sismica: bandi anche nelle Marche e in Emilia-Romagna

Arrivano anche i bandi del Demanio per i servizi di verifica sismica su immobili dello Stato, attività che coinvolge da vicino tutti i professionisti tecnici del Paese, relativi alle regioni Marche ed Emilia-Romagna, dopo quelli - già approfonditi - di Calabria e Friuli.

Piano di recupero sismico immobili statali: le specifiche generali

Le gare fanno parte di un programma complessivo da 950 milioni per i prossimi 10 anni stanziati con la Legge di Bilancio 2017, e coinvolgeranno oltre 800 immobili nelle zone a più elevato rischio. Il percorso si svilupperà in diverse fasi nel corso del tempo, articolato in tre macro attività:

  1. le indagini di vulnerabilità sismica ed energetica (audit) e i progetti di fattibilità tecnico ed economica (Pfte);
  2. la progettazione definitiva ed esecutiva degli interventi necessari;
  3. i lavori sugli immobili, a partire da quelli più critici.

Entro la fine dell'anno saranno avviati, in totale, 24 bandi di gara rivolti a professionisti del settore, per un importo complessivo di circa 58 milioni, per le indagini di vulnerabilità sismica ed energetica, i progetti di fattibilità tecnico ed economica, e in alcuni casi la progettazione definitiva ed esecutiva. Le gare coinvolgeranno oltre 800 immobili, che si trovano prevalentemente nelle zone sismiche 1 e 2, a più elevato rischio, distribuiti in 15 Regioni, per un totale di circa 1,6 milioni di mq.

I bandi delle Marche

Il bando riguarda la riqualificazione sismica di immobili di proprietà dello Stato situati in zona sismica 1 e 2, per un totale di 5 lotti. Il bando ha per oggetto la verifica del rischio sismico, l'audit energetico, i rilievi tecnici e il progetto di fattibilità tecnico-economica. Ci sono 6 beni in provincia di Ancona, 4 in provincia di Ascoli Piceno, 2 in provincia di Fermo, 5 in provincia di Macerata e 5 in provincia di Pesaro-Urbino. L'importo totale a base d'asta di 2.305.905,73 euro. La procedura si svolgerà su piattaforma telematica ed è aperta a operatori sia in forma singola che associata: le offerte dovranno pervenire entro il 15 febbraio 2019.

I bandi dell'Emilia-Romagna

In Emilia-Romagna, invece, l'Agenzia del Demanio manda in gara cinque lotti suddivisi (totale 4,071 mln) tra incarico di verifica della vulnerabilitá sismica, diagnosi energetica, rilievo geometrico, architettonico, tecnologico e impiantistico da restituire in modalità Bim, e la progettazione di fattibilità tecnico-economica (in Bim) per alcuni beni di proprietà dello Stato. Tra questi ci sono caserme dei Carabinieri, della Finanza, della Polizia di Stato e dei Vigili del fuoco. La gara scade il 24 gennaio 2019, le offerte saranno aperte il 29 gennaio.

I BANDI INTEGRALI DI MARCHE ED EMILIA-ROMAGNA SONO DISPONIBILI IN FORMATO PDF