Superbonus 110%, Patuanelli: proroga oltre il 31 dicembre 2021 con Testo Unico dedicato

Il ministro dello Sviluppo Economico, intervenuto all'Assemble apubblica di Confindustria a Roma: "Il superbonus è uno strumento che sono felice di aver contribuito a creare e che proporrò di prolungare oltre la sua attuale data di scadenza, confermando la cedibilità dei crediti"

super-bonus_700-2.jpg

Nel corso del discorso tenuto presso l'Assemblea di Confindustria a Roma, il ministro Stefano Patuanelli ha aperto alla proroga, oltre alla scadenza attuale (31/12/2021) del Superbonus 110% del DL Rilancio con tanto di Testo Unico ad hoc per una misura che il Governo intende rendere duratura.

Superbonus: le parole di Patuanelli

Si tratta di "uno strumento che sono felice di aver contribuito a creare e che proporrò di prolungare oltre la sua attuale data di scadenza prevista a fine 2021, confermando la cedibilità dei crediti e scrivendo finalmente un testo organico, così da entrare stabilmente nel nostro ordinamento. E’ una di quelle certezze di cui gli imprenditori hanno bisogno.

Questo sarà propedeutico a raggiungere pienamente tre obiettivi:

  • il rilancio produttivo di un settore e di una filiera centrale del nostro Paese, che nel corso degli anni ha pagato tutte le crisi economiche a caro prezzo e che coinvolge a cascata molti altri settori industriali collegati all’edilizia in modo indissolubile;
  • il secondo aspetto cruciale è costituito dalle riqualificazioni energetiche e antisismiche del nostro patrimonio residenziale privato, dando al contempo garanzia ai cittadini di poter accedere a quegli interventi senza esborso di denaro. Questo ne fa anche una misura sociale, che garantisce a tutti, a prescindere dalle fasce di reddito, di poter vivere in case efficienti e sicure;
  • terzo elemento fondamentale è quello del risparmio energetico dove il settore dell’edilizia partecipa in modo massiccio al raggiungimento di questi obiettivi di target di riduzione delle emissioni di CO2"

Incentivi 4.0

Il Ministro ha inoltre confermato l'orizzonte temporale lungo anche per gli incentivi 4.0: "La nostra strategia per le imprese inizia dalla stabilizzazione pluriennale e dal potenziamento di misure che consideriamo strategiche, a partire dagli incentivi 4.0 incrementandone l'intensità, soprattutto sulle tecnologie di frontiera e favorendo sempre più l'estensione della platea dei beneficiari".

 

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su