Autorizzazione paesaggistica: possibilità di annullamento a maglie molto larghe. Le regole

Consiglio di Stato: l'atto di annullamento può legittimamente limitarsi a constatare il difetto di motivazione dell'autorizzazione, senza addentrarsi in valutazioni di merito

sentenza-norma-legge-700.jpg

L'autorizzazione paesaggisticapuò essere legittimamente annullata dall'organo statale periferico per qualsiasi vizio di legittimità, ivi compresa l'assenza, nel provvedimento di base, di una corretta indicazione delle ragioni sottese alla positiva valutazione, quanto a compatibilità paesaggistica, dell'intervento progettato. A questa stregua, l'atto di annullamento può legittimamente limitarsi a constatare il difetto di motivazione dell'autorizzazione, senza addentrarsi in valutazioni di merito”.

Lo ha ricordato il Consiglio di Stato nella sentenza 5772/2020 dello scorso 2 ottobre, che è utile per ricordare alcuni dei paletti sul tema, cioè:

  • l’interpretazione costante di Palazzo Spada è nel senso che nel vigore dell'art.82 comma 9 del dpr 616/1977 il termine di sessanta giorni per l'esercizio del potere di annullamento dell'autorizzazione paesaggistica è inteso come perentorio, ossia come limite temporale decadenziale che decorre dalla ricezione da parte della competente Soprintendenza dell'autorizzazione rilasciata e della pertinente e completa documentazione tecnico amministrativa. Detto termine, benché perentorio, ben può venire interrotto in caso di manifestate esigenze istruttorie o per incompletezza della documentazione trasmessa, con nuova decorrenza dall'acquisizione completa dei chiarimenti richiesti e fermo che, prima della scadenza, deve aver luogo anche l'adozione, non anche la comunicazione agli interessati, dell'eventuale annullamento. In definitiva, la norma va intesa nel senso che il termine si intende rispettato se il provvedimento viene adottato prima della sua scadenza, non risultando necessario anche l’esaurimento della fase integrativa dell’efficacia. Resta irrilevante sotto questo profilo qualsivoglia autovincolo dell’amministrazione, che in realtà si tradurrebbe in una modifica non consentita di una disciplina di rango superiore;
  • l’art.82 del dpr 616/1977 ha per oggetto il trasferimento di funzioni amministrative dallo Stato alle Regioni, sicché l’utilizzo del termine “Ministro” vale evidentemente ad individuare l’amministrazione statale nel rispetto della disciplina di riferimento;
  • l'autorizzazione paesaggistica può essere legittimamente annullata dall'organo statale periferico per qualsiasi vizio di legittimità, ivi compresa l'assenza, nel provvedimento di base, di una corretta indicazione delle ragioni sottese alla positiva valutazione, quanto a compatibilità paesaggistica, dell'intervento progettato. A questa stregua, l'atto di annullamento può legittimamente limitarsi a constatare il difetto di motivazione dell'autorizzazione, senza addentrarsi in valutazioni di merito.

LA SENTENZA INTEGRALE E' SCARICABILE IN FORMATO PDF

LEGISLAZIONE e TECNICA URBANISTICA ed EDILIZIA

banner-dalprato-700.jpg

L'AREA è un luogo di riflessioni, commenti, studi e proposte sullo stato dell’arte dell’Edilizia e dell’Urbanistica in cui ci proponiamo di dare sistematicità alle informazioni inerenti l’evoluzione normativa e giurisprudenziale che pubblichiamo giornalmente.

Nell'area di principi e modalità applicative delle norme dell’Urbanistica e dell’Edilizia facendo il punto critico sulle tematiche che maggiormente si pongono all’attenzione della legislazione e della giurisprudenza in un momento in cui l’evoluzione della materia appare confusa e, a volte, contraddittoria; per questo trattiamo gli argomenti, per così dire, più attuali, interpretandoli ed inquadrandoli alla luce dei principi fondanti della materia anch’essi oggetto di evoluzione concettuale e dottrinaria.

Vai all'area di approfondimento "LEGISLAZIONE e TECNICA URBANISTICA ed EDILIZIA"