Recovery Fund: dentro al PNRR da 210 miliardi risorse per edilizia scolastica e Superbonus 110%. La bozza

Tra gli obiettivi del piano approvato dal Governo: efficientamento del patrimonio edilizio pubblico, proroga del superbonus 110%, miglioramento delle infrastrutture

scuola-milano-tetti-droni-700.jpg

Nel Consiglio dei Ministri n.89 del 12 gennaio 2021, il Governo ha approvato la proposta di Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR - Recovery Fund), che sarà inviata alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica per acquisirne le valutazioni.

Le 'mission' del Piano

Il Piano si articola in sei missioni, che rappresentano “aree tematiche” strutturali di intervento:

  1. digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura;
  2. rivoluzione verde e transizione ecologica;
  3. infrastrutture per una mobilità sostenibile;
  4. istruzione e ricerca;
  5. inclusione e coesione;
  6. salute.

Nell’insieme, le missioni raggruppano sedici componenti, funzionali a realizzare gli obiettivi economico-sociali definiti nella strategia del Governo, che a loro volta si articolano in 47 linee di intervento per progetti omogenei e coerenti.

I numeri delle risorse

Le risorse complessivamente allocate nelle sei missioni del PNRR sono pari a circa 210 miliardi di euro. Di questi, 144,2 miliardi finanziano “nuovi progetti” mentre i restanti 65,7 miliardi sono destinati a “progetti in essere” che riceveranno, grazie alla loro collocazione all’interno del PNRR, una significativa accelerazione dei profili temporali di realizzazione e quindi di spesa.

Efficientamento immobili pubblici e superbonus 110%

Dentro la mission "Rivoluzione verde e transizione ecologica" è compresa la componente "Efficienza energetica e riqualificazione degli edifici", costituita da due linee progettuali:

  • la realizzazione di un programma di efficientamento e messa in sicurezza del patrimonio edilizio pubblico, con particolare riferimento a scuole, edilizia residenziale pubblica, comuni e cittadelle giudiziarie:
  • l’introduzione di un incentivo temporaneo per la riqualificazione energetica e l’adeguamento antisismico del patrimonio immobiliare privato, attraverso una detrazione fiscale pari al 110% dei costi sostenuti per gli interventi. Si tratta chiaramente del Superbonus 110% prorogato dalla Legge di Bilancio 2021 al 30 giugno 2022: nel PNRR si prevede di allungare l’applicazione della misura al 30 giugno 2023 per gli IACP e al 31 dicembre 2022 per i condomìni, a prescindere dalla realizzazione di almeno il 60% dei lavori.

Infrastrutture e Sud

Nella mission "Infrastrutture per una mobilità sostenibile" invece si mira a completare entro il 2026, una prima e significativa tappa di un percorso di più lungo termine verso la realizzazione di un sistema infrastrutturale moderno, digitalizzato e sostenibile dal punto di vista ambientale, tenuto conto delle specificità della orografia del territorio italiano.

Si tratterà quindi di realizzare opere che fanno parte di progetti infrastrutturali europei o che vadano a colmare lacune che hanno sin qui penalizzato lo sviluppo economico del Paese e, in particolare, del Mezzogiorno e delle Isole. Sono previsti investimenti sulla rete ferroviaria, per la messa in sicurezza arterie stradali e per sviluppare un sistema portuale competitivo.

LA BOZZA DEL RECOVERY FUND APPROVATO DAL GOVERNO E' SCARICABILE IN FORMATO PDF