Decreto controlli impianti antincendio e tecnico manutentore: primi chiarimenti applicativi

Il Dipartimento dei Vigili del Fuoco ha pubblicato i primi chiarimenti sull'applicazione del DM 1 settembre 2021 cosiddetto Decreto controlli impianti antincendio, che entrerà in vigore solo il 25 settembre 2022.


Abbiamo già analizzato le principali specifiche di interesse del decreto del 1° settembre 2021 del Ministero dell'Interno, che entrerà in vigore il 25 settembre 2022 e che definisce i criteri generali per il controllo e la manutenzione degli impianti, attrezzature e altri sistemi di sicurezza antincendio.

Ora, però, intervengono i Vigili del Fuoco con una circolare esplicativa molto importante per chiarire meglio alcuni dettagli di un provvedimento di sicuro impatto, che introduce una nuova figura professionale in materia di antincendio, il cd. tecnico manutentore.

Nella circolare del 6 ottobre si inizia partendo dal provvedimento, che stabilisce i criteri generali da adottare per effettuare il controllo e la manutenzione di impianti, attrezzature ed altri sistemi di sicurezza antincendio, fissando al tempo stesso le procedure generali per qualificare i tecnici manutentori allo svolgimento di tali attività, secondo le modalità stabilite nell’Allegato II al citato decreto.

Decreto controlli impianti antincendio e tecnico manutentore: primi chiarimenti applicativi

Tutti gli argomenti approfonditi nella circolare

Il documento, molto corposo, è formato da questi paragrafi:

  • generalità;
  • requisiti dei docenti;
  • individuazione dei soggetti formatori;
  • elenco delle attrezzature necessarie per i soggetti formatori e le sedi di esame;
  • individuazione dei requisiti delle sedi oggetti di esame di qualifica;
  • esame di idoneità.

e da queste Appendici

  • Appendice I. Caratteristiche dei docenti e dei centri di formazione;
  • Appendice II. Programmi dei corsi di manutenzione sui presidi antincendio;
  • Appendice III. Modello per la richiesta di ammissione all’esame di idoneità per il conseguimento della qualifica di manutentore qualificato.

 

Esame di idoneità per i requisiti del tecnico manutentore

L’esame per la valutazione dei requisiti del tecnico manutentore deve basarsi sulle conoscenze, sulle abilità e sulle competenze indicate nel paragrafo 3 dell’Allegato II al decreto, con le modalità previste al paragrafo 4 del citato Allegato, che individua diverse casistiche a seconda dell’esperienza o di precedenti certificazioni in possesso degli aspiranti tecnici manutentori qualificati.

Per tenere conto delle varie possibilità e delle modalità indicate per lo svolgimento della valutazione dei requisiti, in Appendice III è riportato il modello con il quale il candidato, dopo aver indicato le proprie generalità, dichiara gli impianti, le attrezzature e i sistemi per i quali è in possesso delle conoscenze, competenze e abilità per poter effettuare i compiti e le attività di tecnico manutentore, e chiede l’ammissione all’esame, indicando la sede ove chiede di essere valutato.

NB - Il candidato che richiede la qualifica per più tipologie di impianti, attrezzature o sistemi, dovrà essere sottoposto ad esami distinti per ciascun ambito per il quale viene richiesta l’abilitazione, con valutazioni ugualmente distinte e separate.

Con il superamento dell’esame si conclude il processo di valutazione e convalida con cui la commissione, istituita secondo le indicazioni del paragrafo 5 dell’allegato II al decreto e con il vincolo che nessuno dei componenti abbia svolto il ruolo di formatore nel relativo corso, riconosce la qualifica di “tecnico manutentore qualificato”.

Qualora la verifica dei requisiti si concluda con il non superamento delle prove d’esame, il candidato può ripresentarsi, senza particolari limitazioni, alle sessioni successive.

 

L'elenco dei manutentori

L’elenco dei manutentori qualificati sarà disponibile su un’apposita piattaforma gestita dal Corpo nazionale dei Vigili del fuoco e aggiornata a cura del soggetto che organizza l’esame.

Con successiva comunicazione saranno fornite le modalità per l’inserimento e l’aggiornamento dei dati relativi all’elenco in argomento, nonché le informazioni da riportare nel predetto elenco.


LA PRIMA CIRCOLARE APPLICATIVA DEI VIGILI DEL FUOCO SUL DECRETO PER I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E' SCARICABILE IN FORMATO PDF