Caro materiali e prezzari regionali: regole per l'adeguamento e nuova tabella prezzi ITACA

ITACA ha attivato, attraverso la Rete dei Prezzari regionali, una specifica iniziativa di rilevazione dei prezzi, pubblicando una specifica tabella di riferimento.


Abbiamo già approfondito le novità in materia di caro materiali (costi materie prime) e prezzari regionali, prima analizzando le novità apportate in materia dal DL Sostegni-Ter, poi condividendo l'interessante e utile documento pubblicato dalla Conferenza delle Regioni, con le prime indicazioni operative per l’adeguamento dei prezzari regionali delle opere pubbliche e infrastrutture.

Di fatto, il documento fornisce le prime indicazioni operative, utili a fare fronte alle problematiche indicate in premessa nella redazione degli Elenchi prezzi regionali dei materiali edili e da costruzione.

I Prezzari regionali - si legge - sono redatti ai sensi dell’art. 23 comma 7 del d.lgs. 50/2016 (Codice Appalti) il quale prevede che gli stessi siano predisposti dalle Regioni e dalle Province autonome territorialmente competenti, di concerto con le articolazioni territoriali del MIMS, che siano aggiornati entro il 31 dicembre di ogni anno e che possano essere transitoriamente utilizzati entro il 30 giugno dell’anno successivo.

I prezzari regionali, proprio in virtù dell’orizzonte temporale legato al loro utilizzo non possono e non devono essere assimilati a listini di borsa che registrano giornalmente il variare dei costi delle materie prime e dei prodotti utilizzati in edilizia.

Purtroppo, nell’anno in corso si sono rilevate oscillazioni di mercato non lineari ed incontrollate che chiedono misure straordinarie di costruzione e monitoraggio dello strumento.

La Conferenza delle Regioni ha quindi ritenuto di proporre, attraverso il consolidamento del metodo di lavoro condiviso tra i vari uffici regionali responsabili del prezzario regionale, mediante la costituzione della Rete dei prezzari:

  • un elenco dei materiali maggiormente soggetti alla volatilità del mercato attuale;
  • un monitoraggio quadrimestrale/semestrale degli stessi;
  • una prima indicazione in merito all’applicazione dell’istituto della revisione dei prezzi basata sullo strumento del Prezzario regionale.

Caro materiali e prezzari regionali: regole per l'adeguamento e nuova tabella prezzi ITACA

La richiesta di aiuti tecnici

La Conferenza delle Regioni nei mesi scorsi ha rilevato prontamente il disagio che ha investito sia il settore delle opere pubbliche che di quelle private legate al cosiddetto “Superbonus 110%”, con conseguente difficoltà delle imprese esecutrici e delle stazioni appaltanti nella gestione ed esecuzione dei contratti ed il rischio di un rallentamento o addirittura una paralisi delle opere, in previsione anche degli investimenti provenienti dal PNRR.

Pertanto, le regioni hanno segnalato al Governo ed al MIMS l’urgente necessità di un intervento che mettesse ordine e chiarisse le implicazioni della crisi in atto, richiedendo l’apertura di un tavolo tecnico per individuare e condividere soluzioni operative.

 

La risposta di ITACA: ecco la nuova tabella prezzi di riferimento - prezzari

Qui si inserisce la novità di oggi: per dare una concreta risposta alle problematiche in essere, ITACA (Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale) ha attivato attraverso la Rete dei Prezzari regionali, una specifica iniziativa di rilevazione dei prezzi così da fornire tempestivamente alle stazioni appaltanti prezzari adeguati ai valori di mercato per una corretta programmazione e progettazione delle infrastrutture e opere pubbliche.

ITACA segnala infatti come l’utilizzo dei prezzari regionali per la stima economica del base d’asta degli interventi costituisca uno strumento fondamentale per garantire l’omogeneità economica e la qualità degli stessi.

Pertanto, ITACA ha proposto un elenco di materiali maggiormente soggetti alla volatilità del mercato, attivando anche un monitoraggio quadrimestrale/semestrale degli stessi, ed una prima indicazione in merito all’applicazione dell’istituto della revisione dei prezzi basata proprio sullo strumento del Prezzario regionale.


LA TABELLA "PREZZI DI RIFERIMENTO - PREZZARI" DI ITACA E' SCARICABILE IN FORMATO PDF PREVIA REGISTRAZIONE AL PORTALE