Digitale

In questa area di INGENIO sono raccolte le pubblicazioni, gli approfondimenti, le news riguardanti il tema dell'innovazione digitale. In particolare per il settore delle costruzioni: dal GIS al BIM, dalla building automation alle smart cities, dalla sicurezza informatica alle blockchain, dalla sensoristica alla geomatica, dalla realtà aumentata al metaverso, dal data analysis alla intelligenza artificiale.

Sul Tema

Pagina 169

SMART CITY - A POTENZA DAL 14 AL 16 FEBBRAIO, IL FUTURO DELLE PICCOLE CITTÀ NELL’ERA DIGITALE

SMART CITY - A POTENZA DAL 14 AL 16 FEBBRAIO, IL FUTURO DELLE PICCOLE CITTÀ NELL’ERA DIGITALE

Leggi

PREMIO SMART CITY ROMA - CANDIDATURE FINO AL 20 FEBBRAIO PER PROGETTI DEI COMUNI CENTRO-ITALIA

PREMIO SMART CITY ROMA - CANDIDATURE FINO AL 20 FEBBRAIO PER PROGETTI DEI COMUNI CENTRO-ITALIA

Leggi

EU Cybersecurity plan to protect open internet and online freedom and opportunity

EU Cybersecurity plan to protect open internet and online freedom and opportunity The European Commission, together with the High Representative of the Union for Foreign Affairs and Security Policy, has published a cybersecurity strategy alongside a Commission proposed directive on network and information security (NIS). The cybersecurity strategy – "An Open, Safe and Secure Cyberspace" - represents the EU's comprehensive vision on how best to prevent and respond to cyber disruptions and attacks. This is to further European values of freedom and democracy and ensure the digital economy can safely grow. Specific actions are aimed at enhancing cyber resilience of information systems, reducing cybercrime and strengthening EU international cyber-security policy and cyber defence. The strategy articulates the EU's vision of cyber-security in terms of five priorities: Achieving cyber resilience Drastically reducing cybercrime Developing cyber defence policy and capabilities related to the Common Security and Defence Policy (CSDP) Developing the industrial and technological resources for cyber-security Establishing a coherent international cyberspace policy for the European Union and promoting core EU values The EU international cyberspace policy promotes the respect of EU core values, defines norms for responsible behaviour, advocates the application of existing international laws in cyberspace, while assisting countries outside the EU with cyber-security capacity-building, and promoting international cooperation in cyber issues. The EU has made key advances in better protecting citizens from online crimes, including establishing a European Cybercrime Centre (IP/13/13), proposing legislation on attacks against information systems (IP/10/1239) and the launch of a Global Alliance to fight child sexual abuse online (IP/12/1308). The Strategy also aims at developing and funding a network of national Cybercrime Centers of Excellence to facilitate training and capacity building. The proposed NIS Directive is a key component of the overall strategy and would require all Member States, key internet enablers and critical infrastructure operators such as e-commerce platforms and social networks and operators in energy, transport, banking and healthcare services to ensure a secure and trustworthy digital environment throughout the EU. The proposed Directive lays down measures including: (a) Member State must adopt a NIS strategy and designate a national NIS competent authority with adequate financial and human resources to prevent, handle and respond to NIS risks and incidents; (b) Creating a cooperation mechanism among Member States and the Commission to share early warnings on risks and incidents through a secure infrastructure, cooperate and organise regular peer reviews; (c) Operators of critical infrastructures in some sectors (financial services, transport, energy, health), enablers of information society services (notably: app stores e-commerce platforms, Internet payment, cloud computing, search engines, social networks) and public administrations must adopt risk management practices and report major security incidents on their core services. Neelie Kroes, European Commission Vice-President for the Digital Agenda said: "The more people rely on the internet the more people rely on it to be secure. A secure internet protects our freedoms and rights and our ability to do business. It's time to take coordinated action - the cost of not acting is much higher than the cost of acting." Catherine Ashton, High Representative of the Union for Foreign Affairs and Security Policy/Vice-President of the Commission said: "For cyberspace to remain open and free, the same norms, principles and values that the EU upholds offline, should also apply online. Fundamental rights, democracy and the rule of law need to be protected in cyberspace. The EU works with its international partners as well as civil society and the private sector to promote these rights globally." Cecilia Malmström, EU Commissioner for Home Affairs said: "The Strategy highlights our concrete actions to drastically reduce cybercrime. Many EU countries are lacking the necessary tools to track down and fight online organised crime. All Member States should set up effective national cybercrime units that can benefit from the expertise and the support of the European Cybercrime Centre EC3." Background Cyber-security incidents are increasing in frequency and magnitude, becoming more complex and know no borders. These incidents can cause major damage to safety and the economy. Efforts to prevent, cooperate and be more transparent about cyber incidents must improve. Previous efforts by the European Commission and individual Member States have been too fragmented to deal with this growing challenge. Facts about cybersecurity today There are an estimated 150,000 computer viruses in circulation every day and 148,000 computers compromised daily. According to the World Economic Forum, there is an estimated 10% likelihood of a major critical information infrastructure breakdown in the coming decade, which could cause damages of $250 billion. Cybercrime causes a good share of cyber-security incidents, Symantec estimates that cybercrime victims worldwide lose around €290 billion each year, while a McAfee study put cybercrime profits at €750 billion a year. The 2012 Eurobarometer poll on cyber security found that 38 % of EU internet users have changed their behaviour because of these cyber-security concerns: 18 % are less likely to buy goods online and 15 % are less likely to use online banking. It also shows that 74% of the respondents agreed that the risk of becoming a victim has increased, 12% have already experienced online fraud and 89% avoid disclosing personal information. According to the public consultation on NIS, 56.8% of respondents had experienced over the past year NIS incidents with a serious impact on their activities. Meanwhile, Eurostat figures show that, by January 2012, only 26% of enterprises in the EU had a formally defined ICT security policy. Useful links MEMO/13/71 Frequently Asked Questions Cyber Security strategy of the European Union: An open, safe and secure Cyberspace Proposal for a Directive concerning measures to ensure a high common level of network and information security across the Union Have Your say Hash Tag: #cybersecurity Neelie Kroes Follow Neelie on Twitter EEAS website EEAS on Twitter Cecilia Malmström's website Follow Commissioner Malmström on Twitter Europol's EC3 website Global Alliance against child sexual abuse online Contacts : Ryan Heath (+32 2 296 17 16), Twitter: @RyanHeathEU Michele Cercone (+32 2 298 09 63) Maja Kocijancic (+32 2 298 65 70) Michael Mann (+32 2 299 97 80)

Leggi

Monitoraggio sullo stato dell'open data in Italia dopo l'open by default

Monitoraggio sullo stato dell'open data in Italia dopo l'open by default

Leggi

PayPal, Lenovo Launch New Campaign to Kill the Password

PayPal, Lenovo Launch New Campaign to Kill the Password

Leggi

Smart Cities Will Represent More Than $20 Billion in Annual Market Value by 2020

Smart Cities Will Represent More Than $20 Billion in Annual Market Value by 2020

Leggi

SMART CITY - CONVEGNO MERCOLEDÌ 6 FEBBRAIO A BARI SULLA SITUAZIONE IN ITALIA

SMART CITY - CONVEGNO MERCOLEDÌ 6 FEBBRAIO A BARI SULLA SITUAZIONE IN ITALIA

Leggi

Online: la piattaforma open data del Comune di Bari

Online: la piattaforma open data del Comune di Bari Comune di Bari ha deciso di seguire la strada già tracciata da molte pubbliche...

Leggi

CNR: Il .it a quota due milioni e mezzo

Il .it a quota due milioni e mezzo

Leggi

Tablet Shipments Soar to Record Levels During Strong Holiday Quarter, According to IDC

Tablet Shipments Soar to Record Levels During Strong Holiday Quarter, According to IDC

Leggi

Strong Demand for Smartphones and Heated Vendor Competition Characterize the Worldwide Mobile Phone

Strong Demand for Smartphones and Heated Vendor Competition Characterize the Worldwide Mobile Phone Market at the End of 2012, IDC Says

Leggi

Giornata europea della privacy: riflettori puntati sul cyberbullismo

Giornata europea della privacy: riflettori puntati sul cyberbullismo Sul sito del Garante un video dedicato ai giovani con le istruzioni per un uso consapevole dei social network I social network rappresentano oggi un rivoluzionario strumento per entrare in contatto con gli altri, per condividere idee ed emozioni, per cercare informazioni. Essi offrono enormi opportunità, ma presentano anche dei rischi. Proprio per sensibilizzare i giovani sui pericoli di un uso poco avveduto o poco responsabile di queste nuove forme di comunicazione, il Garante per la protezione dei dati personali ha deciso di dedicare la "Giornata Europea della protezione dei dati personali" 2013 ad un problema delicatissimo come il cyberbullismo. E ha chiamato a discuterne insieme il mondo della scuola e quello dei social network. Il tema verrà trattato nell'ambito della trasmissione "Uno Mattina" della Rai – Radiotelevisione italiana e vedrà la partecipazione in studio, oltre che del Presidente dell'Autorità Garante Antonello Soro, del Ministro dell'Istruzione Francesco Profumo, di un responsabile di Google per l'Italia. L'evento è fissato per il giorno 28 gennaio 2013 e sarà trasmesso da Rai1, a partire dalle ore 9.35. In occasione della Giornata Europea, il Garante metterà a disposizione sul proprio sito web un video di animazione con le istruzioni per un uso consapevole dei social network, e un test con venti semplici domande per verificare il grado di conoscenza dei principali rischi che si possono correre in rete. L'obiettivo è quello di aiutare i ragazzi a servirsi di questi strumenti di libertà in maniera consapevole e sicura, e di promuovere una sempre più forte cultura del rispetto e il grande valore che rappresenta la protezione dei dati personali. La Giornata europea della protezione dei dati personali La "Giornata europea della protezione dei dati personali" è un'iniziativa promossa dal Consiglio d'Europa con il sostegno della Commissione europea e di tutte le Autorità europee per la protezione dei dati personali e che, a partire dal 2007, si celebra in tutta Europa il 28 gennaio. Obiettivo dell'iniziativa è quello di sensibilizzare i cittadini europei sui diritti legati alla tutela della riservatezza, della dignità della persona e delle libertà fondamentali. Roma, 22 gennaio 2013

Leggi

Agende digitali, la sfida delle Regioni

Agende digitali, la sfida delle Regioni Come ridurre le disuguaglianze nella disponibilità e nell’uso delle nuove tecnologie?...

Leggi

“Il profilo di committente”, un portale gratuito per gli Enti Pubblici

L’Ordine degli Ingegneri di Bologna ha realizzato un sito internet per pubblicizzare avvisi, bandi ed esiti di gara degli Enti Pubblici

Leggi

Bari Smart City: 1,6 mld per realizzare il progetto

Bari Smart City: 1,6 mld per realizzare il progetto

Leggi

Home Area Networks Will Represent a $1.1 Billion Market by 2020

FROM: http://www.pikeresearch.com/ Home area networks (HANs), which enable a variety of energy-saving applications and devices within the home,...

Leggi

SMART CITY - EMILIANO E VENDOLA FIRMANO PATTO PER BARI: PIÙ MOBILITÀ, SERVIZI SOCIALI E CULTURA

SMART CITY - EMILIANO E VENDOLA FIRMANO PATTO PER BARI: PIÙ MOBILITÀ, SERVIZI SOCIALI E CULTURA

Leggi

Carlo Purassanta nuovo amministratore delegato di Microsoft Italia

Carlo Purassanta nuovo amministratore delegato di Microsoft Italia

Leggi

IDC’s Chief Information Security Officer Predictions: Securing the Expanding Walls of an Enterprise

IDC’s Chief Information Security Officer Predictions: Securing the Expanding Walls of an Enterprise 07 Jan 2013 Framingham, MA – January 7, 2013 – Today, IDC announced details of the upcoming web conference, “IDC's 2013 Chief Information Security Officer (CISO) Predictions: Securing the Expanding Walls of an Enterprise,” to be held on January 9, 2013 at 11:00 a.m. U.S. Eastern time. The complimentary webcast will feature Chris Christiansen, Program Vice President, Security Products and Services, and will explore how the growth of BYOD strategies, cloud deployments and social media have changed the scope and size of the enterprise and, therefore, the span of security strategies. According to Christiansen, “Securing the enterprise has taken on a whole new meaning and requires a new set of information technology tools. Our predictions were designed to help the CISO navigate the changing landscape and make the most strategic business decisions on IT investments today. ” To register, please visit: http://bit.ly/IDC_Predictions2013_CISO. As a "preview" to the full list of CISO Predictions, IDC predicts the following trends will have an impact on the CISO role in the coming year: Prediction #1: CISOs will get agreement with the C-suite about BYOD security policy. This year, we predict CISOs will arrive at a BYOD security policy that strikes a balance between user freedom and protection of corporate assets. The next generation of mobile security will "containerize" corporate and consumer apps, data, and access. By blending MDM and MAM (Mobile Applications Management), IT can categorize corporate apps, data, and access and containerize these elements. IT will just control the corporate portion of the device, leaving the consumer portion unencumbered. Prediction #2: CISOs organize corporate social networking activities that are driven by customer experience, brand identity, return on value, and security. To hear the complete list of IDC CISO Predictions and receive a complimentary copy of the presentation, register here: http://bit.ly/IDC_Predictions2013_CISO. All Predictions web conferences are complimentary and open to anyone who wishes to register. For additional information about these predictions or to arrange a one-on-one briefing, please contact Sarah Murray at 781-378-2674 or sarah@attunecommunications.com. Reports are available to qualified members of the media. For information on purchasing reports, contact insights@idc.com; reporters should email sarah@attunecommunications.com. About IDC Predictions As we have for the past three decades, IDC provides an outlook for the year ahead in the IT market. During the next 30 days, IDC will publish literally dozens of IDC Top 10 Predictions documents for 2013. Please visit www.idc.com/predictions2013 for a complete listing. About IDC Insights IDC Insights lines of business assist businesses and IT leaders, as well as the suppliers who serve them, in making more effective technology decisions by providing accurate, timely, and insightful fact-based research and consulting services. Our global research and analysis is focused on mitigating technology risks, maximizing the effectiveness of IT investments, identifying new opportunities, and bringing forth technology solutions that are aligned with the organization's business objectives. International Data Corporation (IDC) is the premier global provider of market intelligence, advisory services, and events for the information technology market. IDC is a subsidiary of IDG, the world’s leading technology, media, research, and events company. For more information, please visit http://www.idc.com, email insights@idc.com, or call 508-872-8200. Visit the IDC Insights Community at http://idc-insights-community.com.

Leggi

Security Appliance Market Growth Continues to Slow in Third Quarter of 2012, According to IDC

Security Appliance Market Growth Continues to Slow in Third Quarter of 2012, According to IDC FRAMINGHAM, Mass., January 2, 2013 – According...

Leggi

L'Ing. Cristiano Radaelli confermato presidente ANITEC

Cristiano Radaelli confermato presidente ANITEC Nel corso dell’assemblea generale di Anitec (Associazione Nazionale Industrie Informatica Telecomunicazioni ed Elettronica di Consumo, aderente a Confindustria Digitale) tenutasi oggi a Milano, presso la sede di via Sacchi, Cristiano Radaelli è stato confermato alla presidenza per il quadriennio 2013-2016. "Devo ringraziare tutti i soci per la rinnovata fiducia – dice l’ingegner Radaelli – e vorrei ricordare come i risultati ottenuti a favore del settore Ict ed elettronica di consumo sono il frutto di una straordinaria unità d’intenti tra tutti gli associati anche nelle decisioni più importanti e strategiche. Anitec è diventata recentemente un’associazione di primo livello in Confindustria e, in coordinamento con Confindustria Digitale, ha collaborato con il Governo nella definizione delle iniziative per l’agenda digitale contenute nel decreto sviluppo recentemente approvato dal Senato e ha in particolare coordinato i contributi del settore indirizzati a due dei tavoli di lavoro, Ricerca ed Innovazione e Competenze Digitali, della "cabina di regia" lanciata dal Governo Monti nella scorsa primavera". Radaelli, presidente di Anitec dal novembre 2010, è da maggio 2011 l’unico membro italiano dell’Executive Board di DigitalEurope e Vice Presidente di Confindustria Digitale dal giugno dello stesso anno. In Nokia Siemens Networks dalla costituzione della società nel 2007, è manager globale ed ha diretto la gestione degli ordini per tutto il mondo (oltre 14 miliardi di euro) e la supply chain di diverse linee di prodotto. Recentemente è stato chiamato come Head of Business alle attività globali del Restructuring Office. In Nokia Siemens Networks Italia è componente del management team locale. Dopo la laurea in Ingegneria Nucleare ha frequentato la Mba Bocconi e ha fatto rilevanti esperienze In Italia e negli Stati Uniti. “In un momento difficile per l’economia e il governo del paese – dice Radaelli – le linee guida del mio nuovo mandato saranno quelle di adempiere con ancor maggior forza alla missione di Anitec e cioè contribuire alla crescita e allo sviluppo del Paese grazie all'applicazione e all'utilizzo delle più innovative tecnologie digitali". In sintesi, il programma – che esprime l’unanime volontà degli aderenti ad Anitec – prevede la promozione dello sviluppo del settore Ict come generatore di crescita, valore, competitività e sostenibilità; lo sviluppo della cultura digitale e a sostegno dell’attuazione dell’Agenda Digitale; la collaborazione con le Istituzioni in qualità di advisor per le scelte strategiche dell’ Ict; la collaborazione alla definizione delle norme legislative e tecniche presso tutte le sedi istituzionali nazionali e europee; la promozione delle eccellenze italiane e del relativo know-how nel mercato globale; il mantenimento e la crescita in Italia delle attività dell’intera catena del valore del settore Ict. "I settori principali dell’attività di Anitec per i prossimi anni – conclude Radaelli – saranno: agenda digitale, progetti legati alle smart cities, la connettività e la sicurezza delle reti e delle infrastrutture, come elemento per l’incremento della competitività del paese e lo sviluppo di tutto il settore Ict".

Leggi

Lo Storify del terzo Meeting europeo dell'Open Government Partnership

Lo Storify del terzo Meeting europeo dell'Open Government Partnership Pubblicato il: Mar, 18/12/2012 - 11:47 Il 10 dicembre ha avuto luogo a Roma il Terzo Meeting Europeo dell'Open Government Partnership - OGP. L'evento, organizzato dal Dipartimento della funzione pubblica, ha avuto una partecipazione internazionale che è andata ben oltre i confini dell'Europa; circa 80 rappresentanti di 16 Governi, 5 Organizzazioni internazionali e della società civile hanno discusso di temi quali trasparenza, partecipazione e collaborazione tra amministrazioni e società civile, in una prospettiva europea. Di seguito il racconto dell'evento visto dai social media e aggregato attraverso Storify

Leggi

La ricerca europea sulla Smart Cities si dà appuntamento presso la sede ENEA il 17, 18 e 19 dicembre

La ricerca europea sulla Smart Cities si dà appuntamento presso la sede ENEA il 17, 18 e 19 dicembre 17 dicembre 2012 Tre giorni di incontri sulle reti europee e italiane della ricerca sulle “smart cities” presso l’ENEA (dal 17 al 19 dicembre). Il primo appuntamento è il convegno della rete italiana, parte integrante della rete europea, alla quale aderiscono complessivamente 19 organizzazioni tra università, istituti ed organizzazioni di ricerca, coordinate dall’ENEA. Il workshop è l’occasione per fare il punto della situazione della ricerca italiana sulle smart cities e per favorire l’ingresso di nuovi partner nel network. Nei giorni successivi il confronto è a livello europeo con il workshop annuale dello European Smart Cities Joint Programme di EERA (European Energy Research Alliance). Il Joint Programme Smart Cities è il vasto programma di ricerca congiunto - il più importante in Europa- cui partecipano tutti i 27 paesi dell’Unione europea, avviato il 1 gennaio 2012, della durata di 4 anni e che coinvolge circa 200 ricercatori. Si tratta di un programma aperto cui possono aderire sia gli enti di ricerca che aziende che hanno programmi di ricerca e sviluppo sulle smart cities in modo da creare sinergia tra i programmi nazionali ed europei. Questa edizione è organizzata da ENEA che coordina, oltre la rete italiana, uno dei 4 sottoprogrammi del Joint Programme, Urban Energy Networks, che ha l’obiettivo di disegnare la “città intelligente” come un insieme di reti interconnesse. Punto centrale del sottoprogetto è sviluppare l’integrazione tra le diverse reti urbane sia a livello di distretti ecosostenibili, dove vengano affrontate dunque tutte le problematiche delle sostenibilità, che a livello di interazione tra due o più reti o tra rete e cittadino. Per ulteriori informazioni: mauro.annunziato@enea.it

Leggi

Dall’Aula Paolo VI il primo tweet di Benedetto XVI @pontifex

D all’Aula Paolo VI il primo tweet di Benedetto XVI E alla fine il momento tanto atteso è arrivato. Benedetto XVI ha lanciato il suo primo tweet. Lo ha fatto al termine dell’udienza generale di mercoledì 12 dicembre, nell’Aula Paolo VI. Per l’o ccasione era circondato da Claire DiazOrtiz, Andrew Jadick, Mika Rhabb, Katia Lopez Hodoyán, quattro giovani in rappresentanza dei loro coetanei dei diversi continenti, accompagnati dall’arcivescovo Claudio Maria Celli, presidente del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, e da Thaddeus Jones, officiale del medesimo dicastero. Hanno dato al Papa il tablet con il quale ha lanciato il click. Le prime parole sono state: «Cari amici, è con gioia che mi unisco a voi via twitter. Grazie per la vostra generosa risposta. Vi benedico tutti di cuore». Il tweet lanciato all’udienza è stato seguito da altri due: un ri-tweet della domanda di un follower: «Come possiamo vivere meglio l’Anno della fede nel nostro quotidiano?», alla quale il Pontefice ha risposto con queste parole: «Dialoga con Gesù nella preghiera, ascolta Gesù che ti parla nel Vangelo, incontra Gesù presente in chi ha bisogno». L’attesa per i primi «cinguettii» del Papa è stata veramente grande se si pensa che nel giro di pochi giorni i followers sull’account @pontifex hanno già superato il milione. Quelli di lingua inglese — sulle otto lingue disponibili — risultano i più numerosi, già oltre settecentomila. Quelli in italiano sono al terzo posto con oltre novantaduemila utenti, preceduti al secondo posto da quelli in spagnolo oltre centosessantacinquemila. E proprio dall’America latina provenivano numerosi fedeli presenti all’udienza. Tra questi, la delegazione messicana dello Stato di Michoacán, guidata dal governatore Fausto Vallejo Figueroa, per l’iniziativa «Natività messicana in Vaticano», giunta alla quinta edizione. Molti degli oltre cento messicani indossavano abiti tradizionali. Il Pontefice ha poi visitato e benedetto l’artistico presepe e l’albero natalizio allestiti nell’Aula, opera degli artigiani di Tlalpujahua. Presenti anche numerosi partecipanti al congresso internazionale sulla esortazione apostolica post-sinodale Ecclesia in Am e r i c a , promosso dalla Pontificia Commissione per l’America latina e i cavalieri di Colombo. Tra i gruppi italiani, docenti e alunni dell’Istituto tecnico agrario e geometri «San Pardo» al quale è annessa la casa circondariale di Larino. Quattro di questi studenti, detenuti, hanno salutato da vicino il Papa.

Leggi