Graziano Leoni

Professore Ordinario di Tecnica delle Costruzioni, Università di Camerino

Curriculum

Laureato con lode in Ingegneria Civile Edile nel 1992 presso l’Università degli Studi di Ancona. Nel 1996 ha conseguito il titolo di Dottore di Ricerca in Meccanica delle Strutture presso l’Università di Bologna. 

Dal gennaio 2012 è Professore di prima fascia nel settore scientifico disciplinare ICAR/09 (Tecnica delle Costruzioni) presso l’Università di Camerino dove insegna Progettazione delle Strutture Architettoniche e Problemi Strutturali dell’Edilizia Storica.

L'attività di ricerca scientifica si focalizza su tematiche di interesse per le costruzioni quali: interazione sismica terreno-struttura, sistemi innovativi di protezione antisismica, vulnerabilità sismica di costruzioni esistenti, impalcati da ponte composti acciaio-calcestruzzo, fasi costruttive di strutture da ponte, strutture presollecitate con cavi non aderenti interni o esterni. Gli studi sono stati dedicati a molteplici aspetti di interesse pratico ed i risultati ottenuti sono stati pubblicati in oltre 250 lavori scientifici. 

Svolge attività di consulenza tecnico-scientifica per la modellazione e la progettazione strutturale avanzata, l’ottimizzazione delle fasi costruttive di ponti, il progetto di strutture protette con isolamento alla base e/o dispositivi di dissipazione, l’interazione dinamica terreno-struttura, la messa in sicurezza di costruzioni storiche danneggiate dal terremoto. 

Partecipa alle attività di varie commissioni internazionali (ECCS-TC11, IABSE-WC2, FIB_SAG6) come membro effettivo e studioso corrispondente. Svolge inoltre attività di revisione di articoli scientifici per numerose riviste internazionali.

 

 

Archivio

La prova di rilascio nel collaudo delle costruzioni isolate: il centro CHIP dell’Università di Camerino

La descrizione e il video della prova di rilascio nel caso del centro CHIP dell’Università di Camerino

Leggi

Sismica

Procedura pratica per l’analisi di interazione terreno-struttura di strutture fondate su pali

La procedura può essere facilmente adottata dagli ingegneri sfruttando software comuni per l’analisi strutturale e permette di evitare sia la valutazione delle funzioni di impedenza, che necessita di complesse analisi nel dominio della frequenza, sia la calibrazione dei parametri del modello utilizzato per la loro approssimazione.

 

 


Mm

0.4
0.2

 

 

 


Mw

FB vs CB IMP
CB IMP vs CB LPM_C CB IMP vs CB LPM_F

 

 


Mwf

rms

 

 

 


Mm


(b)

0.4
0.2

 

 

 


Mw

 

 


Mwf

impedenze del sistema terreno-fondazione che, essendo dipendenti dalla frequenza, non possono essere impiegate direttamente in analisi condotte nel dominio del tempo

Leggi

Sismica

Risposta sismica non lineare di pile da ponte fondate su gruppi di pali inclinati

Questo lavoro presenta i primi risultati di una ricerca orientata allo studio degli effetti della configurazione e dell’inclinazione dei pali sulla risposta sismica non lineare di pile da ponte.

Leggi

Sismica

Fondazioni profonde: validazione di un modello 3D per l’interazione dinamica terreno-struttura

In questo articolo viene presentata e discussa la duplice validazione di un modello numerico per l’interazione dinamica...

Leggi

Seismic behaviour and design of innovative hybrid coupled shear walls - D6

Atti del XV congresso ANIDIS 2013

Leggi

Slab Cracking Control in Continuous Steel-Concrete Bridge Decks

The New Boundaries of Structural Concrete Session D – Concrete Quality Control on Site Keynote Lecture

Leggi

Soil-Structure Interaction Effects on the Seismic Response of Multi-Span Viaducts - K2

Atti del XV congresso ANIDIS 2013

Leggi

Behaviour and design of innovative steel frames with RC infill walls - F4

Atti del XV congresso ANIDIS 2013

Leggi

Lumped Parameter Model for the Time-Domain Soil-Structure Interaction Analysis of Structures on Pile Foundations - D11

Atti del XV congresso ANIDIS 2013

Leggi