Prove di carico su pali: analisi del comportamento ed esempi applicativi

Le fondazioni su pali

Obiettivo principale delle fondazioni su pali è quello di trasferire i carichi verso volumi di terreno profondi per ottenere maggiore capacità portante o per contenere i cedimenti sulla struttura.

A differenza di una fondazione superficiale, dove il trasferimento dei carichi avviene direttamente sul volume significativo di terreno sottostante il quale ragionevolmente non aumenta all’aumentare del carico, nelle fondazioni profonde o indirette si assiste ad un progressivo trasferimento dei carichi verso porzioni di terreno sempre più profonde. Questo trasferimento al terreno circostante avviene tramite i pali, nei quali le sollecitazioni di compressione si trasferiscono anch’esse verso sezioni più profonde alla ricerca delle reazioni vincolari necessarie per l’equilibrio statico.

Le funzioni analitiche che descrivono tali flussi tensionali sono alquanto complesse e dipendono da molteplici fattori (tipologia di palo e della sua esecuzione, caratteristiche del terreno laterale e di base, comportamento meccanico dei terreni, ecc.).

La stima preliminare in fase di progetto del comportamento meccanico dei pali e delle loro capacità (ultime e di esercizio), è effettuata sulla base di formulazioni empiriche, analitiche e/o numeriche di tipo convenzionale [AGI, 1984; UNI EN 1997-1, 2005; NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI, 2008].  L’EC 7 , considerate le complessità connesse alla progettazione e al controllo dell’esecuzione, pur non prevedendo obbligatoriamente l’esecuzione di prove su pali, ne premia la loro esecuzione attraverso metodi di progetto che ne considerano i risultati [AVERSA ET ALII, 2005). Analogamente le norme italiane (NTC 2008), considerano necessarie prove di carico statiche su pali reali effettuate prima (prove di progetto) o successivamente (prove di verifica) all’esecuzione dei pali in progetto, considerandole anche come strumento di previsione progettuale.

Infatti, nonostante i progressi nei metodi di previsione del comportamento dei pali sotto azioni verticali, la difficoltà, la complessità e l’aleatorietà nella determinazione delle caratteristiche geotecniche dei terreni e delle reali caratteristiche esecutive lasciano l’ultima parola alla lettura e all’interpretazione delle prove di carico.

L’interpretazione della prova di carico su singolo palo è, nonostante l’apparenza, piuttosto complessa; essa è oggetto di numerose pubblicazioni tecniche e scientifiche nazionali e internazionali. 

Scopo del presente articolo è l’analisi ragionata delle tecniche di interpretazione delle prove di carico su pali soggetti ad azioni verticali, anche a mezzo dell’esame di case histories disponibili all’autore.

SCARICA IL PDF CON L'ARTICOLO INTEGRALE


Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su