Si può incollare il rivestimento ceramico direttamente al sottofondo alleggerito?

Provate ad immaginare i vantaggi che si potrebbero avere nell’incollare il rivestimento ceramico direttamente al sottofondo monostrato da 300 kg/m3. Per uno strutturista il vantaggio è sicuramente il peso al metro quadro mentre per un termotecnico è il lambda sicuramente non superiore a 0,080 W/mK. Quindi non ci rimane che porci la fatidica domanda…

posa-ceramica-su-alleggerito.jpg

Un sottofondo alleggerito può svolgere la funzione di un massetto?

La norma europea di prodotto UNI EN 13813 considera massetto lo strato, non strutturale, del sistema pavimento con resistenza a compressione minima di 5 MPa, mentre le norme di posa delle pavimentazioni prevedono resistenze non inferiori a 16 MPa.

In deroga a queste prescrizioni, il sistema Piano Zero di Edilteco, lavorazione del sottofondo che permette l’incollaggio di finiture su un materiale isolante con massa volumica a secco non inferiore a 300 kg/m3 e resistenza a compressione di circa 1,6 MPa

L’azienda di posa Bi.ESSE Massetti utilizza questo sistema da oltre 25 anni, soprattutto su solai con travi in legno o in generale con bassa portanza, per la posa di ogni tipo di finitura e/o impermeabilizzazione.

Il ciclo di lavorazione del Sistema Piano Zero by Edilteco

Dopo l’intonacatura dei locali viene posato in aderenza al solaio il sottofondo premiscelato leggero termoisolante a perla fine Isolcap Fein 300, prestando attenzione al rispetto delle quote e della planarità tipiche dei massetti di finitura. Lo spessore del massetto leggero deve essere superiore a 7 cm e occorre assicurarsi che i tubi degli impianti annegati siano immersi per almeno 5 cm.

Dopo 7 giorni dalla posa è possibile levigare leggermente la superficie superiore del massetto, per eliminare le sporgenze delle perle di polistirene espanso e delle eventuali sbavature presenti. Una volta effettuata l’aspirazione, si esegue una veloce bruciatura della superficie per eliminare dallo strato superficiale le perle di polistirene che affiorano.

Una volta effettuati questi passaggi è possibile procedere con tre diverse lavorazioni, in funzione della finitura prevista.

  1. Incollaggio delle pavimentazioni ceramiche e lapidee direttamente sul piano realizzato; 
  2. Applicazione di circa 5 mm di rasante e quindi incollaggio di parquet;  
  3. Applicazione di una livellina di 2 cm e quindi posa di pavimentazioni resilienti.

edilteco-posa-ceramica-su-isolcap-fein-300.jpg

Posa pavimentazione ceramica o lapidea su Isolcap Fein 300

edilteco-posa-parquet-su-isolcap-fein-300.jpg
Posa pavimentazione in legno su Isolcap Fein 300

edilteco-posa-resiliente-su-isolcap-fein-300.jpg

Posa pavimentazione resiliente su Isolcap Fein 300

Analisi di laboratorio sul sistema Piano Zero

Presso il laboratorio di Bi.ESSE Massetti, nell’ambito di una campagna di prove dedicata alla misurazione delle prestazioni meccaniche dei sistemi più diffusi nel mercato, sono stati eseguiti alcuni test per verificare la resistenza del sistema Piano Zero ai carichi concentrati, in presenza di finiture ceramiche. Tutti i test hanno confermato la resistenza e la qualità del sistema.

>>> Per maggiori informazioni sul sistema Piano Zero contatta Edilteco

edilteco-isolcap-fein-300-prove-di-resistenza.jpg
Test di laboratorio effettuati su un provino sistema Piano Zero

edilteco-isolcap-fein-300-biesse-massetti.jpg
Bi.ESSE Massetti di Altopascio (LU) - Posa del massetto con Isolcap Fein per successiva lavorazione Piano Zero