Bonus al 50% per manutenzione, protezione e restauro: tutto sulla novità del DL Sostegni Bis

La nuova norma, introdotta da un emendamento ad hoc, istituisce nuovo bonus edilizio, indirizzato ai beni immobili sottoposti a tutela ai sensi del Codice dei beni culturali e del paesaggio (d.lgs. 42/2004).


C'è anche un nuovo Bonus edilizio, dentro il Decreto Sostegni Bis in dirittura d'arrivo per la conversione definitiva in legge.

Il testo licenziato dalla Camera lo scorso 14 luglio 2021 (e disponibile qui sotto, in allegato PDF), che di fatto arriva blindato al Senato considerando i tempi strettissimi per la definitiva conversione (che deve avvenire entro il 24 luglio 2021) contiene anche il nuovo articolo 65-bis, rubricato "Fondo per il restauro e per altri interventi conservativi sugli immobili di interesse storico e artistico".

Si tratta di una detrazione (credito d'imposta) del 50% per interventi conservativi (manutenzione, protezione e restauro), fino ad un massimo di 100 mila euro.

 

Fondo restauro interventi conservativi su immobili di pregio: i dettagli

Nello stato di previsione del Ministero della cultura, quindi, viene istituito il Fondo per il restauro e gli altri interventi conservativi su beni immobili di interesse storico e artistico soggetti alle disposizioni di tutela previste dal Codice dei beni culturali e del paesaggio (d.lgs. 42/2004), con una dotazione di € 1 mln per ciascuno degli anni 2021 e 2022.

Il Fondo opera riconoscendo alle persone fisiche che detengono tali beni immobili un credito di imposta in misura pari al 50% delle spese sostenute nel 2021 e 2022 per interventi conservativi, fino ad un massimo di € 100.000.

Il credito di imposta spetta a condizione che l’immobile non venga utilizzato nell’esercizio di impresa. La disciplina applicativa deve essere definita con decreto del Ministro della cultura, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze.

Ai relativi oneri si fa fronte mediante corrispondente riduzione del Fondo per far fronte ad esigenze indifferibili che si manifestano nel corso della gestione (art. 1, co. 200, L. 190/2014).

IL TESTO DEL DDL DI CONVERSIONE DEL DL SOSTEGNI BIS (APPROVATO DALLA CAMERA, NON ANCORA IN VIGORE) E' SCARICABILE IN FORMATO PDF