Piattaforme Blockchain: i vantaggi per la filiera delle costruzioni e l'integrazione nel progetto edilizio

Applicare la Blockchain alla digitalizzazione del mondo del costruito, consente di ottenere numerosi vantaggi e importanti economie di scala.

In occasione del BIMSummit 2021, il professor Marcello Balzani e l'architetto Massimo Stefani hanno spiegato come tale metodologia rivoluzionerà il settore dell'edilizia e delle costruzioni, illustrandone i benefici.

 

La Blockchain in edilizia 

Durante la 5^ edizione del BIMSummit organizzato da Harpaceas, l'architetto Marcello Balzani, professore ordinario presso il Dipartimento di Architettura dell'Università degli studi di Ferrara, ha spiegato come la tecnologia Blockchain cambierà il settore dell’edilizia e delle costruzioni.

Secondo l'architetto Balzani, che è anche presidente dell'Associazione Clust-ER Edilizia e Costruzioni, la tecnologia Blockchain rivoluzionerà tutti i settori che hanno un forte impatto nell'ambito della digitalizzazione.

«L'edilizia è un settore particolare perché necessita di dati buoni, non tanto di big data - ha spiegato nell'intervista a margine dell'evento - e la qualità del dato buono deve essere notarizzata e validata, serve quindi un percorso qualificato che sia condiviso in un sistema che abbia una serie di algoritmi di qualità che siano coerentemente verificabili. Questo lo vediamo già anche all'interno dell'ambiente BIM che potrebbe essere il luogo in cui far convergere le dimensioni di informazione dei sensori».

A riguardo, il progetto di impresa InnovationChain, fondato da RaiseUp, spin-off dell'Università di Ferrara e Harpaceas, prevede di realizzare delle piattaforme digitali BIM-Blockchain, integrate con "Common Data Enviroment" o "ACDat" (pubblici e di mercato) per supportare l'evoluzione dei processi di filiera "Build & Construction" verso modelli a elevato grado di automazione e "notarizzazione" del flusso di lavoro, con lo scopo di aumentarne la produttività e garantirne l'integrità.

 

La Blockchain applicata al mondo delle costruzioni: l'intervista al professor Marcello Balzani

 

L'integrazione della Blockchain con il workflow BIM

Ma quali sono le piattaforme di progettazione BIM che consentono di ottimizzare le fasi del processo edilizio in ottica Blockchain?

Durante l'evento, l'architetto Massimo Stefani, BIM Consultant di Harpaceas, ha spiegato che in termini generali tutto ciò che tratta il BIM secondo i canoni del Building Smart e dell'Open BIM, può essere inserito a pieno titolo nella Blockchain, aggiungendo  che può essere considerata come una vera e propria infrastruttura in grado di garantire una serie di parametri di sicurezza nel rapporto tra piattaforme BIM con ACDat che possono sfruttare le varie fasi di consegna nella filiera BIM degli elaborati.

 

 GUARDA LE ALTRE INTERVISTE AI PROTAGONISTI DEL BIM SUMMIT