Decreto Energia, la bozza: rinnovabili, fotovoltaico, rigenerazione, prezzi dei materiali, efficienza energetica

Il decreto-legge "Bollette ed Energia" approvato dal Governo lo scorso 18 febbraio - ancora non pubblicato in Gazzetta Ufficiale - introduce misure urgenti per il contenimento dei costi dell’energia elettrica e del gas naturale, per lo sviluppo delle energie rinnovabili e per il rilancio delle politiche industriali.


Abbiamo descritto e 'parlato' del nuovo decreto correttivo Antifrodi Bonus Edilizi licenziato dal Governo nel CdM dello scorso 18 febbraio, ma in quella stessa seduta è stato approvato anche un altro decreto-legge molto importante per il settore delle costruzioni e dell'energia.

Si tratta del decreto ribattezzato dai media "Enegia" o "Bollette", rubricato ufficialmente "Misure urgenti per il contenimento dei costi dell’energia elettrica e del gas naturale, per lo sviluppo delle energie rinnovabili e per il rilancio delle politiche industriali".

Le norme introdotte - si legge nel comunicato stampa dell'Esecutivo - mirano a sostenere la ripresa economica e a rimuovere gli ostacoli che ne impediscono il pieno dispiego. Le misure ammontano a quasi 8 miliardi, di cui circa 5,5 saranno destinati a fare fronte al caro energia e la restante parte invece a sostegno delle filiere produttive che stanno soffrendo maggiormente in questa fase.


---- SCARICA LA BOZZA DEL DECRETO ENTRATA IN CDM (NON IN VIGORE, NON ANCORA PUBBLICATO IN G.U.) IN FONDO ALL'ARTICOLO ---


Energia: misure per l'emergenza e di prospettiva

L’intervento si divide in due parti:

  1. emergenza, misure per calmierare nel breve tempo i costi delle bollette energetiche: vengono prorogate le misure già in essere, come l’azzeramento delle aliquote relative agli oneri generali di sistema applicate alle utenze domestiche e alle utenze non domestiche in bassa tensione, per altri usi, con potenza disponibile fino a 16,5 kW, nonché alle utenze con potenza disponibile pari o superiore a 16,5 kW, anche connesse in media e alta/altissima tensione o per usi di illuminazione pubblica o di ricarica di veicoli elettrici in luoghi accessibili al pubblico, la riduzione dell’Iva al 5% e degli oneri generali per il settore gas, il rafforzamento del bonus sociale per le famiglie con ISEE di circa 8.000 euro o di 20.000 nel caso di famiglie numerose e il credito d’imposta per le imprese energivore. Viene inoltre introdotto un nuovo contributo straordinario, sotto forma di credito di imposta, in favore delle imprese gasivore;
  2. prospettiva, misure che consentano nel futuro di evitare altre crisi come quella in corso, per esempio con l’aumento della produzione nazionale di energia. Il decreto include quindi:
    • un poderoso programma di accelerazione sul fronte delle sorgenti rinnovabili, in particolare per il fotovoltaico, con un intervento di semplificazione per l’installazione sui tetti di edifici pubblici e privati e in aree agricole e industriali;
    • l’incremento della produzione nazionale di gas allo scopo di diminuire il rapporto importazione/produzione da utilizzarsi a costo equo per imprese e PMI;
    • un pacchetto di norme per aumento e ottimizzazione dello stoccaggio di gas;
    • l’aumento della produzione di carburante sintetico e supporto al suo utilizzo in settori strategici, come ad esempio trasporti e aerei.

Decreto Energia, bozza PDF: rinnovabili, fotovoltaico, rigenerazione, prezzi dei materiali, efficienza energetica

Politica industriale

Per quanto attiene al sostegno alle filiere produttive, il decreto interviene su due settori in particolare che sono interessati da grandi trasformazioni in corso:

  • automotive: stanziamento di risorse pluriennali, fino al 2030, con l’obbiettivo di favorire la transizione verde, la ricerca, la riconversione e riqualificazione dell’industria del settore automotive. Inoltre sono previsti incentivi all’acquisto di veicoli non inquinanti;
  • microprocessori: previsti fondi pluriennali, fino al 2030, per la produzione nazionale di microchip.

Inoltre, viene ampliato l’ambito di interventi di riqualificazione e adeguamento strutturale delle competenze dei lavoratori finanziabili con il Fondo nuovo competenze e si incrementa il fondo per l’adeguamento dei prezzi, inserendo specifiche norme in materia di revisione dei prezzi dei materiali nei contratti pubblici in essere.

Infine, il decreto prevede stanziamenti a favore delle Regioni, in particolare per far fronte alle maggiori spese relative alla crisi pandemica, e ai Comuni che stanno affrontando l’aumento dei costi per l’illuminazione.

 

Le singole misure di maggior interesse per professionisti, imprese di costruzione, appalti pubblici

Andiamo ora a vedere, velocemente, le singole misure specifiche di maggior interesse per il mondo dei professionisti tecnici, delle imprese di costruzione, degli appalti e dell'ambiente, rimandando ad approfondimenti dettagliati non appena il provvedimento sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale ed entrerà in vigore.

Misure strutturali e di semplificazione in materia energetica (Capo II)

  • Semplificazioni per l’installazione di impianti a fonti rinnovabili;
  • Definizione di un modello unico per impianti tra 50 kW e 200 kW: con apposito decreto del MITE, da emanare entro 60 giorni dall'entrata in vigore del DL, veranno individuate le condizioni e le modalità per l’estensione del modello unico semplificato di cui all’art.25, comma 3, lettera a), del d.lgs. 199/2021, agli impianti di potenza superiore a 50 kW e fino a 200 kW, realizzati ai sensi dell’art.7-bis, commi 5 e 5-bis, del d.lgs. 28/2011, come modificati dall’articolo 8 del presente decreto;
  • Regolamentazione dello sviluppo del fotovoltaico in area agricola: contiene semplificazioni in materia di realizzazione di impianti fotovoltaici in determinate zone agricole;
  • Semplificazione per impianti rinnovabili in aree idonee: 'tocca' decreto legislativo 28/2011 includendo dentro i procedimenti di autorizzazione di impianti di produzione di energia elettrica alimentati da fonti rinnovabili su aree idonee anche "quelli per l’adozione del provvedimento di valutazione di impatto ambientale";
  • Razionalizzazione e semplificazione delle procedure autorizzative per gli impianti offshore;
  • Fondo per autoconsumo da fonti rinnovabili per PMI: istituzione di un Fondo ad hoc di 267 milioni di euro, per promuovere la produzione di energia elettrica rinnovabile e l’autoconsumo per le piccole e medie imprese;
  • Contributo sotto forma di credito d'imposta per l’efficienza energetica nelle regioni del Sud: alle imprese che effettuano investimenti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia volti ad ottenere una migliore efficienza energetica ed a promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili, fino al 31 dicembre 2023 è attribuito un contributo sotto forma di credito d’imposta. I costi ammissibili all’agevolazione corrispondono ai costi degli investimenti supplementari necessari per conseguire un livello più elevato di efficienza energetica e per l’auto produzione di energia da fonti rinnovabili nell’ambito delle strutture produttive. Con apposito decreto interministeriale, da emanare entro 60 giorni dall’entrata in vigore del presente decreto, sono stabiliti i criteri e le modalità di attuazione delle disposizioni, con particolare riguardo alle procedure di concessione, ai costi ammissibili all’agevolazione, alla documentazione richiesta, alle condizioni di revoca e all'effettuazione dei controlli;
  • Semplificazioni per impianti a sonde geotermiche a circuito chiuso: va a modificare il recente decreto legislativo 199/2021, stabilendo che entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della presente disposizione, con decreto del Ministro della transizione ecologica sono:
    • stabilite le prescrizioni per la posa in opera degli impianti di produzione di calore da risorsa geotermica, ossia sonde geotermiche, destinati al riscaldamento e alla climatizzazione di edifici;
    • individuati i casi in cui si applica la procedura abilitativa semplificata di cui all’articolo 6 del decreto legislativo 28/2011, nonché i casi in cui l’installazione può essere considerata attività edilizia libera, a condizione che tali impianti abbiano una potenza inferiore a 2 MW e scambino solo energia termica con il terreno, utilizzando un fluido vettore che circola in apposite sonde geotermiche poste a contatto con il terreno, senza effettuare prelievi o immissione di fluidi nel sottosuolo;
  • Disposizioni di supporto per il miglioramento della prestazione energetica degli immobili della pubblica amministrazione: va a modificare l'art.5 del d.lgs. 102/2014, disponendo che l'Agenzia del Demanio gestirà i «programmi di intervento per il miglioramento della prestazione energetica» degli edifici pubblici, nel tentativo di creare un maggior coordinamento.

 

Compensazioni per il caro-materiali e revisione dei prezzi: arrivano altri 100 milioni! Le procedure

L'art.26 della bozza rimpingua il Fondo ex art.1-septies, comma 8, del decreto-legge 73/2021, convertito, con modificazioni, dalla legge 106/2021 (Sostegni 1), per fronteggiare, nel primo semestre dell’anno 2022, gli aumenti eccezionali dei prezzi di alcuni materiali da costruzione, di 100 milioni per l’anno 2022.

Non solo: il provvedimento si interseca evidentemente con quanto già indicato sul tema nel DL Sostegni-Ter e, per le finalità di cui sopra, in relazione ai contratti in corso di esecuzione alla data di entrata in vigore del presente decreto, dispone che entro il 30 settembre 2022, il MIMS procede alla determinazione con proprio decreto, sulla base delle elaborazioni effettuate dall'ISTAT in attuazione della metodologia definita dal medesimo Istituto ai sensi dell’articolo 29, comma 2, del decreto-legge 27 gennaio 2022, n. 4, delle variazioni percentuali, in aumento o in diminuzione, superiori all'8 per cento, verificatesi nel primo semestre dell'anno 2022, dei singoli prezzi dei materiali da costruzione più significativi.

Di fatto, si tratta delle 'nuove' regole per la compensazione (in aumento o diminuzione) dei materiali da costruzione.

La compensazione è determinata applicando alle quantità dei singoli materiali impiegati nelle lavorazioni eseguite e contabilizzate dal direttore dei lavori, ovvero annotate sotto la responsabilità del direttore dei lavori nel libretto delle misure, dal 1° gennaio 2022 fino al 30 giugno 2022, le variazioni in aumento o in diminuzione dei relativi prezzi rilevate dal decreto di cui sopra con riferimento alla data dell'offerta, eccedenti l'8 per cento se riferite esclusivamente all'anno 2022 ed eccedenti il 10 per cento complessivo se riferite a più anni.

Per le variazioni in aumento, a pena di decadenza, l'appaltatore presenta alla stazione appaltante l'istanza di compensazione entro 15 giorni dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del decreto attuativo di cui sopra. Per le variazioni in diminuzione, la procedura è avviata d'ufficio dalla stazione appaltante, entro quindici giorni dalla predetta data; il responsabile del procedimento accerta con
proprio provvedimento il credito della stazione appaltante e procede a eventuali recuperi.

 

Rigenerazione urbana

L'art.29, al fine di rafforzare le misure di rigenerazione urbana di cui all’articolo 1, comma 42, della legge 27 dicembre 2019, n. 160, confluite nella Missione 5 “Inclusione e Coesione”, Componente 2 “Infrastrutture sociali, famiglie, comunità e terzo settore”, Investimento 2.1 “Investimenti in progetti di rigenerazione urbana, volti a ridurre situazioni di emarginazione e degrado sociale” del PNRR, è autorizzato lo scorrimento della graduatoria delle opere ammissibili e non finanziate di cui al decreto del Ministero dell’interno, di concerto con il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibile e con il Ministero dell’economia e delle finanze 30 dicembre 2021.

Il Ministero dell’interno, con decreto da emanare entro il 31 marzo 2022, assegna le risorse sulla base del cronoprogramma dichiarato nella domanda presentata ai sensi del decreto del Ministero dell’interno del 2 aprile 2021, nel limite complessivo di 40 milioni di euro per l’anno 2022, 150 milioni di euro per ciascuno degli anni 2023 e 2024, 285 milioni di euro per l’anno 2025 e 280 milioni di euro per l’anno 2026.


---- SCARICA LA BOZZA DEL DECRETO ENTRATA IN CDM (NON IN VIGORE, NON ANCORA PUBBLICATO IN G.U.) IN FONDO ALL'ARTICOLO ---