Calcestruzzo Armato | ITALCEMENTI SPA
Data Pubblicazione:

Pavimentazione in calcestruzzo lavato: i.design MOSAICO per il nuovo lungomare di Olbia

Appositamente personalizzata con aggregati marmorei rosati di Orosei, la nuova pavimentazione architettonica in calcestruzzo lavato del nuovo lungomare di Olbia, oltre ad avere forte valenza estetica nel contesto paesaggistico in cui è inserita, sviluppa e trasmette poco calore durante il periodo estivo.

Nell'articolo tutti i dettagli dell'intervento di riqualificazione.


Intervento di riqualificazione del lungomare di Olbia

Ci sono voluti un bel po' di anni e una serie di modifiche per poterlo attuare, ma il nuovo lungomare di Olbia, intitolato a Francesco Cossiga e che costeggia piazza Crispi, è stato completato proprio in vista dell’avvio della stagione estiva 2022, grazie alla sistemazione un tratto di viabilità e di una parte della banchina nel lato mare.

La riqualificazione della zona è diventata una bella realtà per i cittadini, i commercianti e i turisti, che hanno a loro disposizione spazi verdi, aree per i più piccoli e piste ciclo-pedonali. Di pregio tecnico-artistico sono da considerare la passerella lignea a sbalzo sul mare, eseguita con legno africano Azobè e Massaranduba, le attrezzature ginniche della Jungle e la fontana a getti verticali indipendenti e di tipo musicale. La realizzazione del progetto è costata poco più di 9 milioni e 400 mila euro, di cui circa 7,7 milioni reperiti da fondi del Mise e 1,7 milioni da risorse comunali.

 

Riqualificazione lungomare di Olbia

 

Con l’elaborazione del Piano strategico “Olbia Città d’Europa”, l'amministrazione comunale si è dotata di uno strumento di programmazione dello sviluppo locale, agendo in una prospettiva di lungo periodo.
Il Comune ha deciso di puntare anche sulla riqualificazione ambientale e sulla valorizzazione del golfo interno, con degli interventi di tipo urbanistico, naturalistico e di portualità turistica, che sono stati ricompresi non solo all’interno del Piano strategico, ma inseriti pure nel Piano integrato di Sviluppo urbano.

Già nel 2013 la Giunta aveva dettato gli indirizzi per la “Riqualificazione urbanistica, il recupero ambientale e la valorizzazione della zona Sud del centro urbano di Olbia”. In quell'occasione, erano stati individuati nel dettaglio due interventi strategici. Il primo si è focalizzato sulla riqualificazione urbanistica del tratto a terra, che va dal molo Brin fino al Ponte di Ferro, mentre il secondo ha riguardato la portualità turistica.

 

I dati delle aree riqualificate

L’impresa vincitrice della gara, il Consorzio Stabile Sinergica di Roma, ha presentato alcune offerte migliorative che prevedevano la riqualificazione delle zone interessate. L’intervento ha previsto, in sostanza, la realizzazione di circa 6.000 metri quadri di aree verdi, più di un chilometro di pista ciclabile, circa 1.000 metri quadri di aree per attività sportive e 150 metri quadri di area destinata ai giochi per i bimbi. A questo, si devono aggiungere, inoltre, 7.200 metri quadri di viabilità, 29.150 metri quadri di aree pedonali e mezzo chilometro (per una superficie di circa 1.800 metri quadri) di passerella in legno a sbalzo, sul mare. La superficie complessiva che è stata recuperata è di 44.500 metri quadri.

 

Calcestruzzo a Km Zero e pietre naturali di recupero per realizzare le nuove pavimentazioni

Per la realizzazione del lungomare sono stati utilizzati differenti tipologie di materiali. Per la superficie della nuova piazza e per i cordoli è stato usato il granito di estrazione locale, mentre per i marciapiedi con effetto a 'doppia onda' sono stati impiegati dei cubetti in porfido, abbinati a cubetti in granito chiaro, oltre al basalto per le altre zone del marciapiede. Per il 90% del totale, si è trattato di materiali recuperati dalla demolizione dei vecchi marciapiedi e dalla viabilità nell’area di intervento. Per realizzare i quasi 1.800 metri di pavimentazione limitrofa alle zone ludiche è stato, invece, usato del calcestruzzo architettonico lavato, fornito a “Km Zero” dall’impianto Calcestruzzi di Olbia.

 

Riqualificazione pavimentazioni lungomare di Olbia

 

«Come tutti i lavori di pregio e di notevole complessità, non sono mancate le difficoltà operative - ha dichiarato il direttore tecnico di cantiere, il geometra Giuseppe Lupoli, dell'impresa consorziata indicata Apulia srl, con sede a Gravina in Puglia (BA) - ma grazie allo sforzo di tutto il personale impiegato, nonché all'esperienza maturata negli anni in opere similari, oltre che alla continua supervisione delle figure preposte dell'amministrazione comunale di Olbia, è stato possibile realizzare un progetto così importante e di così ampio respiro».

 

Il calcestruzzo architettonico lavato è stato fornito dalla business unit di Calcestruzzi 

«Il calcestruzzo architettonico lavato è una particolare lavorazione che permette di mettere in evidenza la ghiaia utilizzata per il mix design del prodotto – spiega Raimondo Sanna, tecnico commerciale di i.build, la business unit di Calcestruzzi che ha seguito tutti i lavori dalla scelta del materiale fino alla posa in opera della pavimentazione – Viene usata per quelle opere che richiedono una particolare attenzione dal punto di vista paesaggistico e hanno una forte valenza estetica. Sicuramente una soluzione architettonica duratura nl tempo che renderà ancora più piacevole il Lungomare».

 

Pavimentazione in calcestruzzo lavato: i.design MOSAICO per il nuovo lungomare di Olbia

 

Raimondo Sanna ripercorre le tappe del progetto:

«Siamo stati contattati dalla società consortile committente, che fa capo ad Apulia Srl per realizzare la parte della strada all’interno del lungomare, vicino alla piazza e alla fontana. Ci è stato richiesto un pavimento in calcestruzzo “lavato”, che avesse un bell’impatto dal punto di vista architettonico e che potesse sviluppare e trasmettere pochissimo calore d’estate. Così, ci siamo messi in contatto con i responsabile di i.build, la business unit di Calcestruzzi per le pavimentazioni, e con Carmine Puppio, titolare della Deltapav società specializzata nella posa in opera di pavimentazioni, e tutti insieme abbiamo valutato quello che c’era da fare. A quel punto, è stato contattato la nostra Direzione Tecnologie e Qualità, con cui è stata prima studiata la miscela e poi ottenuto un campione di prodotto, che è stato visionato dal sindaco di Olbia, Settimo Nizzi, e dall’ufficio tecnico del Comune. Appena abbiamo avuto il loro via libera, abbiamo iniziato i lavori e realizzato la pavimentazione in calcestruzzo i.design MOSAICO, composta anche da un aggregato marmorei rosati di Orosei, ossidi di colore giallo dal cemento proveniente dalla cementeria Italcementi di Samatzai e additivi appositi con opportuni agenti disattivanti. Questo tipo di lavorazione ha coinvolto e impegnato tutta la squadra di Calcestruzzi, da i.build a Deltapav. Tutti insieme abbiamo portato avanti il lavoro con grande spirito di collaborazione e tutto questo ci ha permesso raggiungere un ottimo risultato finale».

Scopri tutte le caratteristiche e prestazioni di i.design MOSAICO

calcestruzzi-700.jpg