Rigenerazione Urbana | Architettura
Data Pubblicazione:

Rigenerazione urbana a Milano: la società Nhood realizza lo spazio pubblico LOC 2026

Apertura a Milano presso Piazzare Loreto del progetto urbanistico dello spazio pubblico LOC 2026 - Loreto Open Community.

Inaugurazione del'hub LOC 2026: nuova identità di Piazzale Loreto

Il progetto di rigenerazione urbana presentato allo spazio LOC 2026, luogo per la co-progettazione con nuovi incontri e laboratori a ingresso libero. Al taglio del nastro erano presenti:

  • Giancarlo Tancredi, Assessore alla Rigenerazione Urbana del Comune di Milano,
  • Carlo Masseroli, Direttore Strategia e Sviluppo Nhood Italy
  • Andrea Boschetti, Head of Design & Founder Partner METROGRAMMA, coordinatore della cordata di progettazione della piazza di LOC – Loreto Open Community

LOC 2026 rimarrà aperto dal martedì alla domenica, dalle ore 12 alle ore 20, e sarà gestito da Temporiuso, team di esperti internazionali in usi temporanei e social engagement nei progetti di rigenerazione urbana.

LOC 2026: condivisione progettuale

Nhood Italy, società internazionale di servizi e sviluppo immobiliare specializzata nelle riqualificazioni urbane e nel retail, apre oggi in via Porpora 10 l’hub “LOC 2026”, uno spazio pubblico di ascolto e informazione sul progetto LOC - Loreto Open Community, per scoprire da vicino il cantiere attraverso la voce dei suoi protagonisti, e, da marzo 2023, partecipare a incontri gratuiti sulle principali tematiche emerse dalla continua attività di ascolto del territorio, prerogativa del progetto fin dal suo principio, tra cui:

  • verde urbano
  • il ruolo della piazza come strumento di generazione di una nuova identità urbana,
  • l’architettura,
  • la mobilità e i flussi di traffico.

LOC 2026 anticipa il paradigma della futura nuova piazza Loreto ed è il primo tassello concreto verso la realizzazione di LOC - Loreto Open Community, il progetto di rigenerazione urbana per la trasformazione di piazzale Loreto a Milano con cui Nhood, nel 2021, ha vinto il bando internazionale C40 Reinventing Cities del Comune di Milano, e il cui avvio di cantiere è previsto entro l’autunno di quest’anno, verso il traguardo di Milano-Cortina 2026.

«Una grande scommessa di trasformazione urbana - commenta l’assessore alla Rigenerazione urbana Giancarlo Tancredi - un progetto che risponde ai principi di Reinventing Cities e di C40, un modello per reinterpretare i luoghi della città restituendo bellezza e sostenibilità perché tutti i cittadini ne possano usufruire e beneficiare. Questa è la sfida del progetto LOC, Loreto Open Community, che nei prossimi anni trasformerà un caotico snodo viario in una piazza verde, con percorsi pedonali e ciclopedonali, servizi, spazi pubblici, mettendola in relazione con gli assi viari di contesto e restituendole la dignità che, per storia e importanza in città, sicuramente merita. L’apertura di un hub informativo a disposizione per chiarimenti e suggestioni conferma la vocazione pubblica della proposta progettuale e l’avvicinarsi della fase operativa dell’intervento».

«L’inaugurazione di LOC 2026 segna l’avvio di una nuova fase del progetto: la generazione di una inedita agorà pubblica, in cui i cittadini potranno vivere lo spazio, sostare e usufruire di nuovi servizi e funzioni in un luogo nevralgico all’interno dell’infrastruttura urbana. Per trasformare la piazza, dall’attuale ostacolo tra le diverse parti della città a luogo di incontro, vogliamo coinvolgere da subito residenti e associazioni in un percorso di co-progettazione dell’uso degli spazi» ha dichiarato Carlo Masseroli, Direttore Strategia e Sviluppo Nhood Italy.

«LOC è un progetto di rigenerazione che mette al centro il senso di comunità come collante tra brani di città, è il progetto simbolo di una nuova epoca di progetti urbani orientati verso città che devono essere ripensate per essere riavvicinate ai cittadini. In questo senso la nuova piazza Loreto è da leggere anche come un contributo dell’architettura ad un mondo nuovo in cui l’attenzione creativa è focalizzata innanzitutto sullo spazio pubblico e sulla sua qualità. Un messaggio per un’intera generazione di nuovi progetti e per questo un passaggio epocale per Milano ma non solo» ha dichiarato Andrea Boschetti, Head of Design & Founder Partner METROGRAMMA, coordinatore della cordata di progettazione della piazza di LOC - Loreto Open Community.

La creazione della nuova piazza pubblica LOC - Loreto Open Community ben rappresenta l’approccio di Nhood alla rigenerazione urbana: una stretta relazione di partenariato tra l’istituzione pubblica ed il developer come strumento indispensabile per trasformare la città nell’interesse della collettività.

Con un investimento complessivo stimato di circa 80 milioni di euro, Nhood trasformerà piazzale Loreto, da attuale vuoto urbano, un congestionato snodo di traffico, in un nuovo spazio di vita, un polo di aggregazione restituito alla comunità. L’agorà sarà connessa a NoLo per garantire continuità all’asse corso Buenos Aires/viale Monza/viale Padova, e si inserisce nel tessuto urbano generando un impatto positivo sul territorio calcolato attraverso l’indicatore dello SROI (Social Return On Investments) che è risultato pari a 4 rispetto all’investimento (per 1 euro investito 4 euro di impatto sul territorio).

L’apertura di LOC 2026 si inserisce nel sistema di interventi di rigenerazione urbana di Nhood a Milano, dopo il recente annuncio dell’idea progettuale per la creazione di un distretto verde nell’area di Stazione Cadorna, l’evoluzione del cantiere del lifestyle center Merlata Bloom Milano, e l’anteprima di Dropcity, Centro di Architettura e Design.

Immagini