Cessione del Credito | Superbonus | Ecobonus
Data Pubblicazione:

Superbonus con sconto in fattura parziale: la somma eccedente va comunque pagata con bonifico parlante

Agenzia delle Entrate: se il fornitore applica uno sconto "parziale", la parte di corrispettivo non oggetto di sconto deve comunque essere pagata utilizzando un bonifico bancario o postale dal quale risultino le informazioni sopra indicate.

Se, per degli interventi che danno luogo al Superbonus edilizio, l'impresa che esegue i lavori applica uno sconto in fattura "parziale", cosa succede alla somma eccedente? Deve essere pagata obbligatoriamente con bonifico "parlante"?

A questa particolare domanda ha risposto l'Agenzia delle Entrate su "La Posta di FiscoOggi", fornendo chiarimenti sulle modalità di pagamento quando si tratta di Superbonus o di altri bonus edilizi.

I 'privati' pagano con bonifico parlante

L'AdE, in primis, ricorda che il pagamento delle spese per l’esecuzione degli interventi che danno diritto al Superbonus deve essere effettuato (tranne che per i soggetti esercenti attività d’impresa) mediante bonifico bancario o postale dal quale deve risultare la causale del versamento, il codice fiscale del beneficiario della detrazione e il numero di partita Iva (o il codice fiscale) del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato (cd. bonificio "parlante").

Per effettuare il pagamento si possono utilizzare i bonifici predisposti dagli istituti di pagamento per l’Ecobonus o per la detrazione prevista per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio.

Sconto in fattura parziale: come ci si deve comportare

Entrando poi nel merito della questione, il Fisco sottolinea che, se il fornitore (impresa edile) applica uno sconto "parziale", la parte di corrispettivo non oggetto di sconto deve comunque essere pagata utilizzando un bonifico bancario o postale dal quale risultino le informazioni sopra indicate.

Il riferimento, peraltro, si legge nella circolare 23/2022 delle Entrate, dove si era già chiarito che in tutti i casi in cui le parti non dovessero accordarsi per la cessione totale del credito, "la fruizione del Superbonus è comunque subordinata al pagamento del corrispettivo eccedente l’importo del credito “ceduto” utilizzando il predetto bonifico bancario o postale".

Leggi anche