Le prime 10 Smart City di Italia secondo ICity Rank 2019

Quali sono le città italiane più intelligenti e sostenibili? Secondo ICity Rank 2019, Milano è la città più smart d’Italia. Sono 4 le città dell’Emilia-Romagna entrate nella top ten della classifica mentre Roma rimane stabile in 15esima posizione. Fanalino di coda la città di Crotone.

digitalizzazione-costruzioni_700.jpeg

Che cosa è ICity Rank? Ecco il quadro delle città italiane più smart

Elaborato ogni anno da FPA - ForumPA, ICity Rank è il rapporto nazionale italiano che misura la capacità di adattamento delle 107 città capoluogo nel percorso di trasformazione verso la città 4.0: intelligente, digitale, inclusiva e sostenibile.

La classifica ICR è stilata a partire da 6 indici che corrispondono alle 6 dimensioni “misurabili” della qualità urbana:

  1. Solidità economica
  2. Mobilità sostenibile
  3. Tutela ambientale 
  4. Qualità sociale
  5. Capacità di governo
  6. Trasformazione digitale.
Leggi anche: Le sei caratteristiche di una Smart City

Indice di trasformazione digitale della città, come può essere quantificato?

L’indice di trasformazione digitale delle città italiane è costruito con l’obiettivo di misurare la capacità delle amministrazioni comunali di sfruttare appieno le potenzialità offerte dalle nuove tecnologie e dai grandi progetti nazionali. ForumPA ha tenuto in considerazione 10 indicatori. In particolare, tra questi si è tenuto conto della: 

  • capacità di utilizzare al meglio le infrastrutture immateriali e le piattaforme abilitanti, realizzate a livello centrale nel quadro del Piano Triennale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione (Agid, Piano Triennale 2019-2021), per sviluppare servizi digitali semplici e orientati al cittadino;
  • capacità di rispondere alle esigenze di infrastrutturazione tecnologica dei territori, precondizione necessaria per il superamento del digital divide e la promozione della cultura digitale presso le comunità locali;
  • capacità di servirsi di soluzioni innovative per offrire elevati livelli di trasparenza e abilitare nuove forme di comunicazione e ascolto della propria utenza di riferimento.

Milano, Firenze e Bologna: le prime tre città 4.0 d’Italia

Milano, Firenze e Bologna si confermano anche nel 2019 come le prime tre smart city d’Italia. Rispetto il rapporto ICity Rank 2018, le tre città mantengono stabili le loro posizioni, ma aumenta il loro punteggio nel ranking totale.

Milano, per il sesto anno consecutivo, detiene il primato di città più smart d’Italia (+46 punti rispetto il 2018). Segue al secondo posto la città di Firenze (+63 punti), mentre in terza posizione si trova la città di Bologna (+32 punti). Ecco la classifica completa delle prime 10 smart city italiane:

  1. Milano 
  2. Firenze 
  3. Bologna 
  4. Bergamo (5° nel 2018)
  5. Torino (6° nel 2018)
  6. Trento (4° nel 2018)
  7. Venezia 
  8. Parma 
  9. Modena (17° nel 2018)
  10. Reggio nell’Emilia

icity-rank-2019.jpg
Fonte: ICity Rank 2019

Milano si conferma come la città italiana più intelligente. Il capolugo lombardo è in prima posizione per gli indici di solidità economica e mobilità sostenibile, secondo per la qualità sociale (2°) e terzo nella classifica parziale riguardo l'indice di trasformazione digitale (3°). Resta fuori dalle prime dieci posizioni per capacità di governo (12°) e, purtroppo, appare molto in ritardo nella tutela ambientale (54°).

Firenze è nelle prime 10 posizioni di tutte le classifiche parziali. Seconda in classifica generale, è distaccata di solo due punti da Milano grazie al primo posto nell'indice relativo alla qualità sociale e a quello della trasformazione digitale. Ottimo il posizionamento del capoluogo toscano per capacità di governo (2°), tutela ambientale (5°) e mobilità sostenibile (3°).

Bologna, in terza posizione, si piazza davanti a tutti per capacità di governo. Seconda per gli indici di trasformazione digitale e solidità economica, terza per tutela ambientale e qualità sociale.

Bergamo, Torino, Trento, Venezia, Parma, Modena e Reggio Emilia completano la classifica delle prime dieci smart city italiane, con risultati paragonabili al terzetto di testa in molti degli indicatori analizzati. Trento è prima in tutela ambientale e terza per solidità economica; Venezia seconda per mobilità sostenibile, Modena quarta per trasformazione digitale.

Il rapporto ICity Rank 2019 evidenzia come si stia progressivamente riducendo il divario tra Milano e le altre cittàha affermato Gianni Dominici, Direttore Generale di FPA -. Se volessimo individuare una chiave di volta nel percorso verso la smart city, questa sarebbe certamente la capacità di conoscere e analizzare cosa avviene sui territori, incrociando i dati e le informazioni che arrivano dalle fonti più diverse, e utilizzandole poi per rispondere in maniera tempestiva e prendere decisioni mirate.
Oggi non si può pensare di governare una città in maniera intelligente se non si possono governare i dati, attraverso processi che mettano insieme gli operatori pubblici e quelli privati che li producono e li detengono”.

Modena, la new entry nella top ten delle città italiane più smartness. Rispetto l’ICity Rank 2018, la città della Ghirlandina si è piazzata in 9° posizione scalzando dalla classifica la città della torre pendente, Pisa (scesa in 14° posizione). Un grande salto in avanti per Modena che ha guadagnato otto posizioni rispetto il precedente anno. Modena è quarta per solidità economica e trasformazione digitale.

Roma, invece, nonostante siano buone le performance in alcune dimensioni, rimane stabile in 15° posizione, con risultati migliorabili soprattutto nella capacità di governo (29°) e nella solidità economica (30°). La capitale si piazza in 21° posizione per trasformazione digitale, è 7° per qualità sociale, 23° per tutela ambientale ed in 22°posizione per la mobilità sostenibile.

É ancora grande il divario fra il Nord e il Sud del Paese. Le prime venti città in classifica appartengono alle aree centro-settentrionali. Bisogna scendere fino alla 37° posizione per trovare la prima città del Meridione e delle Isole in classifica, posizione guadagnata della città di Cagliari.

Trasformazione Digitale: Firenze sfrutta appieno le potenzialità offerte dalle nuove tecnologie

Come già anticipato la TRASFORMAZIONE DIGITALE misura il livello raggiunto dalle città nel percorso di trasformazione digitale mediante 10 indicatori.

L’indice di trasformazione digitale è uno tra quelli analizzati che presenta il più ampio campo di variazione del valore distribuendosi tra gli 893/1000 della prima città in graduatoria (Firenze) e i 199/1000 dell’ultima (Agrigento).

Ai vertici della graduatoria sulla trasformazione digitale si colloca Firenze (893/1000), che stacca sensibilmente le altre due città sul podio, ovvero Bologna (816) e Milano (797).

Firenze ottiene il punteggio massimo in ben quattro indicatori: app municipali, digital openness, wi-fi pubblico e trasparenza digitale.

Le tre città più smart sono anche le prime tre nella graduatoria dedicata alla trasformazione digitale, a dimostrazione di come le nuove tecnologie possano dare una spinta importante all’evoluzione intelligente delle cittàafferma Andrea Rangone, CEO di Digital360 -. La rivoluzione digitale sta già investendo in modo diretto i centri urbani, influenzando la produzione di beni e servizi e le relazioni sociali, creando le condizioni per offrire nuovi servizi individuali e nuove modalità di trasmissione dei servizi urbani collettivi. Soltanto le città che saranno capaci di utilizzare consapevolmente le nuove tecnologie di analisi dei big data che esse stesse producono diventeranno più competitive sia come luoghi di residenza che di produzione”.

Il primato economico e della mobilità sostenibile spetta a Milano

L’indice di SOLIDITÀ ECONOMICA  dell'ICity Rank misura la capacità dei centri urbani di affrontare le trasformazioni produttive del prossimo futuro ed si basa su 21 indicatori di consistenza economica, sulla creazione di opportunità di lavoro, su innovazione del sistema imprenditoriale e produttivo.

Il primato economico spetta alla città di Milano (838/1000 pt.), leader negli indicatori: valore aggiunto pro capite, reddito irpef medio, tasso di imprenditorialità, imprese alta conoscenza, Start up, densità coworking.

Al 2° posto della classifica parziale per solidità economica la città Bologna (702) mentre al 3°posto la città di Trento (658).

Attraverso 16 indicatori relativi al trasporto pubblico, al traffico veicolare, al governo della mobilità e ai processi innovativi l’indice MOBILITÀ SOSTENIBILE esamina la capacità delle città di garantire la propria mobilità interna in forme ambientalmente sostenibili. Milano (659/1000) è in vetta alla classifica della mobilità sostenibile ICR 2019 seguita da Venezia (562) e da Firenze (561)

Tutela dell’ambiente urbano, Trento città leader d’Italia

L’indice di TUTELA AMBIENTALE dell'ICity Rank valuta l'impegno profuso e i risultati raggiunti nella tutela dell’ambiente urbano attraverso 20 indicatori che riguardano suolo, aria, verde, energia, rifiuti e gestione delle acque. Per la sua equilibrata gestione complessiva dell’ambiente Trento è in prima posizione (696/1000) con un vantaggio di soli quattro punti dalla città di Prato (692). Nel gradino più basso del podio, ma pur sempre tra le prime tre, la città di Bologna (672).

Firenze, Milano e Bologna: ecco le città italiane con migliore qualità sociale

L'indice di QUALITÀ SOCIALE si avvale di 22 indicatori relativi a criticità culturali e servizi sociali, istruzione, flussi turistici e attività culturali, vivibilità dei centri urbani.

Al primo posto della classifica parziale ICR 2019 la città di Firenze, segue Milano e chiude il podio Bologna.

Bologna città leader per la capacità di governo

L’indice di CAPACITÀ DI GOVERNO utilizza 17 indicatori per misurare i livelli di partecipazione civile, innovazione amministrativa e le condizioni di legalità e sicurezza. Ai vertici della graduatoria per capacità di governo si collocano le città emiliano-romagnole che occupano ben sei delle prime dieci posizioni.

Bologna ottiene il primo posto della classifica ICR 2019 precedendo di poco Ravenna, mentre Forlì, Reggio Emilia, Parma e Modena seguono a breve distanza.

>>> SCARICA il rapporto completo ICity Rank 2019

 

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su