Sostenibilità | Ambiente | Cambiamenti climatici
Data Pubblicazione:

Cinque passi per un uso consapevole delle Nature Based Solutions

Il cambiamento climatico richiede nuovi approcci. Le "Nature Based Solutions" (NBS) utilizzano la natura per affrontare sfide come il riscaldamento globale e la sicurezza alimentare. Ecco i cinque passi per implementarle consapevolmente.

Il cambiamento climatico è presente e sta mostrando i suoi effetti ogni anno più frequentemente, in più modi, in più settori. Attualmente non siamo sulla buona strada per mantenere il riscaldamento al di sotto di 1,5 gradi Celsius; sulla base delle politiche e delle azioni attuali, ci stiamo dirigendo verso 2,1-2,8 gradi Celsius. Eppure, ogni 0,1°C è importante.

Per fronteggiare queste crisi di portata globale, come professionisti, non possiamo che cambiare i paradigmi e le soluzioni che siamo abituati ad utilizzare, ripensare al modo in cui tuteliamo gli ecosistemi e rigeneriamo le nostre città.

Eticamente dobbiamo agire con consapevolezza nei progetti che affronteremo, ognuno dei quali rappresenta un’opportunità per contribuire ad aumentare la resilienza antropica inserendo semi di resilienza.

Obiettivo finale è il ripristino delle componenti naturali quali il ciclo dell’acqua e la funzione del suolo per poter generare servizi ecosistemici.


Le soluzioni basate sulla NATURA

La Natura stessa è in grado di offrirci soluzioni che, secondo diversi enti internazionali, possono contribuire a sfide globali come la sicurezza alimentare, la mitigazione dei rischi naturali e del cambiamento climatico, la salute umana ed in definitiva ad uno sviluppo socio-economico equilibrato delle nostre società.

Queste soluzioni vengono definite “Nature Based solutions” (NBS), soluzioni basate sulla natura e consistono in ogni azione che permette di proteggere e gestire in modo sostenibile, ripristinare o creare degli ecosistemi che forniscono dei servizi “ecosistemici”.

Si pensi ad una piazza o ad un’area residenziale attraversata da un viale. Se si ha bisogno di ombra significa che si ha necessità di una copertura. Ecco allora che si analizza il paesaggio per capire quanto l’ecosistema esistente sia in grado venire incontro alle esigenze del vivere e dell’abitare.

Proviamo a riassumere in cinque punti come usufruire consapevolmente le NBS.

  1. Riconoscere il Capitale Naturale e i Servizi Ecosistemici – non dare per scontata la Natura
  2. Riconoscere le esigenze del territorio e delle comunità - Climate Change Need Consciousness
  3. Conoscere le NBS come strumenti progettuali
  4. Sapere come e quando usare le NBS
  5. Sapere come conservare le NBS ed i servizi ecosistemici che producono.


Il Capitale Naturale e i Servizi Ecosistemici

La natura viene anche definita come CAPITALE NATURALE, ovvero l’insieme delle matrici ambientali (aria, acqua, suolo e risorse geologiche) e delle specie viventi, che formano gli ecosistemi e la biodiversità e forniscono beni e servizi di valore per gli esseri umani e la vita antropica.

Si parla oggi di CAPITALE NATURALE, termine derivato dalle scienze economiche, utilizzato per indicare il valore e l’importanza della natura per lo sviluppo (economico e non) delle società umane.

I SERVIZI ECOSISTEMICI (SE), componenti del CAPITALE NATURALE, sono generalmente classificati in SE di approvvigionamento (cibo, legname, foraggio, ecc.), di regolazione (protezione dalle alluvioni e ondate di calore, purificazione dell’acqua e dell’aria, ecc.), culturali (apprezzamento estetico, valore simbolico, possibilità di fruizione turistica, ecc.) e di supporto (formazione del suolo, ciclo dei nutrienti, ecc.).

I servizi ecosistemici derivano da alcune specifiche funzioni e processi naturali che sono di utilità anche per l’uomo.

Attraverso le Nature Based Solutions si cerca quindi di preservare, ripristinare ed utilizzare queste funzioni.

Figura 1: framework a cascata tra capitale naturale (verde) e benessere umano (rosso). Fonte: Hansen R. & Pauleit S. (2014)
Figura 1: framework a cascata tra capitale naturale (verde) e benessere umano (rosso). Fonte: Hansen R. & Pauleit S. (2014)
Figura 2: Quattro categorie di Servizi Ecosistemici (fonte: Fondazione Michelagnoli)
Figura 2: Quattro categorie di Servizi Ecosistemici (fonte: Fondazione Michelagnoli)


Individuare ed inserire le esigenze e priorità del territorio, della comunità nei progetti

Il consumo del suolo nelle aree urbane e una idea antropocentrica degli spazi, ha fatto sì che la natura sia stata messa in disparte e i cicli naturali modificati.

Come riportato negli studi a livello nazionale di ISPRA, il consumo del suolo diminuisce sensibilmente la fornitura di servizi ecosistemici fondamentali.

È soprattutto nelle città che la carenza di servizi ecosistemici, comporta ad esempio una minore resilienza agli effetti avversi dei cambiamenti climatici (ondate di calore, allagamenti ed alluvioni a seguito di bombe piogge intense e di breve durata) e a problemi d’inquinamento atmosferico.

Le soluzioni a queste sfide come già visto, possono trovare risposta nel riequilibrio dei sistemi naturali.

Un utile framework operativo in questo senso consiste nel riconoscere gli squilibri tra OFFERTA e DOMANDA di servizi ecosistemici.

In una città, vari inquinanti atmosferici sono costantemente emessi dalle abitazioni private, dagli scarichi delle macchine, ecc. L’emissione di questi inquinanti (espressa ad esempio come tonnellate di PM10 all’anno) può essere definita come la DOMANDA del servizio ecosistemico di “purificazione dell’aria”, poiché indica quanto abbiamo bisogno di quello specifico servizio ecosistemico.

Gli alberi e la vegetazione infatti, purificano l’aria che respiriamo da inquinanti atmosferici molto dannosi: la quantità assorbita di inquinanti (tonnellate di PM10 all’anno) può essere definita come l’OFFERTA del servizio ecosistemico di “purificazione dell’aria”.

Infine, poniamo il caso che all’anno in un determinato quartiere si emettano circa 10 milioni di tonnellate di PM10 (DOMANDA del SE) e che la vegetazione ne possa assorbire al massimo 5 (OFFERTA del SE), si crea quindi un DEFICIT del servizio ecosistemico di purificazione dell’aria.

Le NBS, quindi, sono strumenti e soluzioni nuove e parallele da considerare per integrare i servizi ecosistemici soddisfacendo contestualmente anche le esigenze progettuali.

Le aree dove la DOMANDA di uno specifico SE non è soddisfatta rappresentano le aree con elevato potenziale di implementazione di una NBS.

Le NBS da utilizzare dovranno quindi essere selezionate sulla base della relativa capacità di produrre servizi ecosistemici utili alle esigenze del territorio, della comunità o dello specifico cliente.
Potrebbe anche capitare che alcuni servizi ecosistemici siano già presenti ma non siano riconosciuti e valorizzati, con il rischio quindi di essere sottovalutati, trascurati ed in definitiva persi.

Conoscere le Nature Based Solutions e i loro potenziali benefici

Le Nature Based Solutions sono quindi approcci anche ingegneristici che si ispirano o utilizzano la natura per fornire infrastrutture, servizi e soluzioni integrate alle sfide del presente.

In particolare, comprendono interventi che si basano su a) uso consapevole b) gestione sostenibile/ripristino e c) creazione di nuovi ecosistemi.

Figura 3: classificazione delle NBS in base a livello ingegneristico richiesto e fornitura di servizi ecosistemici (fonte: Cohen-Shacham  et al 2016)
Figura 3: classificazione delle NBS in base a livello ingegneristico richiesto e fornitura di servizi ecosistemici (fonte: Cohen-Shacham et al 2016)


Le NBS utilizzano un insieme di interventi strutturali e non che proteggono, gestiscono, ripristinano o creano elementi naturali. Le soluzioni basate sulla natura possono essere applicate ad un vasto range di scale spaziali e in differenti ambienti.

Possono essere interamente basate sulla natura o comprendere approcci ibridi in sinergia con infrastrutture artificiali. In città, tra i vari esempi, si possono citare gli spazi verdi su piccola scala all'interno, sulle pareti e/o tetti degli edifici, i corridoi verdi lungo le strade e i corpi idrici, i parchi urbani. Le aree più ampie con zone umide e boschi possono essere localizzate a monte o lungo la costa, per riparare le città dalle inondazioni e migliorare la disponibilità e la qualità dell'acqua.

Figura 4: esempi di Nature Based Solutions (fonte: World Bank 2021)
Figura 4: esempi di Nature Based Solutions (fonte: World Bank 2021)


I benefici che si ottengono attraverso le NBS sono molteplici e multi-settore: questo è uno dei vantaggi rispetto alle soluzioni “grigie” che solitamente sono adottate con un unico fine.

I tetti e le pareti verdi degli edifici, ad esempio, consentono di isolare termicamente l’edificio, producendo una riduzione dei costi energetici e delle relative emissioni di CO2 prodotte. Ma non solo: riducono il ruscellamento delle acque meteoriche che possono causare allagamenti e riducono le isole di calore urbane con conseguenze sulla salute delle persone; aumentano la biodiversità e gli insetti impollinatori (fondamentali in agricoltura); possono essere fonte di cibo, ecc.

A tutti questi benefici possono essere attribuiti anche dei valori economici da considerare in una reale analisi dei costi-benefici, tanto più che stanno nascendo delle certificazioni, che formalizzano, attraverso dei crediti, il valore di queste funzioni delle NBS.

...CONTINUA LA LETTURA NEL PDF

Per scaricare l’articolo devi essere iscritto.

Iscriviti Accedi

Ambiente

Con questo Topic sono raccolte le News e gli approfondimenti che riguardano l’ambiente e quindi la sua modifica antropica, così come la sua gestione e salvaguardia.

Scopri di più

Cambiamenti climatici

Con questo topic "Cambiamenti climatici" vogliamo raccogliere gli articoli pubblicati da Ingenio su questo problema ingente e che deve essere ineludibilmente affrontato a livello globale.

Scopri di più

Sostenibilità

Con questo Topic riportiamo quanto pubblichiamo su quello che riguarda il tema della sostenibilità: gli accordi internazionali e nazionali, i protocolli di certificazione energetici ambientali, le news e gli approfondimenti scientifici, i commenti.

Scopri di più

Leggi anche