Certificazione | Controlli | Professione | MASTER - Associazione Materials and Structures, Testing and Research
Data Pubblicazione:

Certificazione degli addetti alle prove non distruttive: approfondimento sulla nuova norma UNI 11931:2024

La Norma UNI è entrata in vigore il 18 gennaio e definisce i principi, i criteri e le procedure per la gestione delle attività relative alla certificazione ed al successivo mantenimento al livello 1, 2 e 3 del personale tecnico addetto all’esecuzione delle prove non distruttive (PND) nel campo dell’ingegneria civile e dei beni culturali e architettonici.

In data 18 gennaio 2024 è stata pubblicata la UNI 11931:2024Certificazione del personale tecnico addetto all’esecuzione delle prove non distruttive nel campo dell’ingegneria civile e dei beni culturali ed architettonici” che sostituisce la UNI/PdR 56:2019.

La norma è stata elaborata a seguito di un’attenta attività di analisi e perfezionamento della UNI/PdR 56, che ha visto impegnati nella stessa Commissione tecnica rappresentanti delle istituzioni, del mondo accademico, delle professioni e dei laboratori prove.

 

(Crediti: S. Bufarini - C. Brillante - S. Mineo - S. Pariset - V. D. Venturi)

 

Il processo di trasformazione in norma UNI della UNI/PdR 56

La UNI/PdR 56 “Certificazione del personale tecnico addetto alle prove non distruttive nel campo dell’ingegneria civile” è stata pubblicata in data 3 maggio 2019, sviluppata da UNI con la collaborazione dell’Associazione scientifico-culturale “Materials and Structures, Testing and Research (MASTER)”, che ha assunto il ruolo di Project Leader.

Le Prassi di Riferimento sono documenti para-normativi che rientrano fra i prodotti della normazione europea, così come definiti dal Regolamento UE n. 1025/2012. Vengono elaborate da un numero ristretto di esperti, sotto la conduzione operativa di UNI. Introducono prescrizioni tecniche, elaborate sulla base di un rapido processo di condivisione, in risposta a specifiche esigenze del mercato.

Le prassi di riferimento sono disponibili e fruibili gratuitamente per un periodo non superiore a 5 anni, che rappresenta il tempo massimo dalla loro pubblicazione entro il quale o decadono o vengono trasformate in un documento normativo (UNI, UNI/TS, UNI/TR).

Dal 2019 ad oggi la UNI/PdR 56 ha completato con successo il suo viaggio, confermando positivamente le aspettative che ne avevano stimolato l’elaborazione: tutti gli organismi di certificazione accreditati hanno adeguato ed uniformato i loro “schemi proprietari” alla UNI/PdR 56 e riemesso oltre 8.000 certificazioni in allineamento ad essa.
L’aggiornamento della UNI/PdR 56, avvenuto nel settembre 2020, e la parallela pubblicazione in versione inglese, ne ha di fatto confermato la validità e l’efficacia, contribuendo a fornire a tutti gli stakeholder un documento coerente con gli obiettivi prefissati.

Da ottobre 2021 la Commissione tecnica UNI/CT 021 Ingegneria strutturale - UNI/CT 021/GL 08 Monitoraggio delle strutture, coordinata dal Prof. Andrea Del Grosso, ha avviato l’iter di trasformazione in norma UNI della UNI/PdR 56. La Commissione ha terminato i lavori nel giugno 2023. L’avvio del processo di trasformazione della prassi in norma UNI è scaturito dal forte interesse mostrato dagli enti di normazione ed accreditamento, dagli organismi di certificazione e dalle stazioni appaltanti (nazionali ed internazionali), oltre che dal mercato, in generale, degli operatori del settore.

 

Cosa definisce la UNI 11931:2024

La norma definisce i principi, i criteri e le procedure per la gestione delle attività relative alla certificazione ed al successivo mantenimento al livello 1, 2 e 3 del personale tecnico addetto all’esecuzione delle prove non distruttive (PND) nel campo dell’ingegneria civile e dei beni culturali e architettonici.

La norma copre la competenza nei seguenti metodi:

  • prelievo di campioni e prove chimiche e fisiche in sito (CH);
  • prove di estrazione “pull out” e di aderenza “pull off” (ES);
  • georadar (GR);
  • prova magnetometrica (MG);
  • prova con martinetti piatti, a compressione diagonale e taglio (MP);
  • misure in campo statico (MS);
  • misura delle vibrazioni (MV);
  • prova di carico (PC);
  • prova di penetrazione (PE);
  • misura del potenziale di corrosione delle armature (PZ);
  • prova sclerometrica (SC);
  • prova sonica (SO);
  • termografia ad infrarossi (TTCiv);
  • prova ultrasonica (UTCiv);
  • visivo (VTCiv).

La UNI 11931, pur mantenendo inalterata l’architettura della UNI/PdR 56, apporta interessanti novità, tra le quali:

  • L’introduzione di un modulo generale (sia per livello 1 che per il livello 2) che potrà essere impartito sia in didattica frontale che con didattica a distanza in modalità sincrona, con sistema di gestione del tracciamento della presenza dei partecipanti;
  • Per ciascun metodo di prova l’addestramento potrà essere erogato con didattica a distanza in modalità sincrona documentata, nella misura massima del 40% ore totali previste, limitatamente alla teoria inerente il metodo PND;
  • La nuova denominazione di alcuni metodi di prova: misura delle vibrazioni (ex prove dinamiche), misure in campo statico (ex monitoraggio strutturale e misura delle tensioni e deformazioni), metodo visivo (ex esame visivo ed ispezione delle opere civili ed infrastrutture);
  • Dettagliati syllabus per il modulo generale e per ciascun metodo di prova;
  • Valutazione dell’esame pratico dei livelli 1 e 2 - Guida alla ponderazione percentile;
  • Valutazione della procedura PND di Livello 3 - Guida alla ponderazione percentile.

 

Periodo transitorio

La UNI 11931 prevede al punto 9 un “periodo transitorio”. Entro 1 anno dalla pubblicazione della norma (18 gennaio 2024), i certificati emessi da organismi di certificazione accreditati UNI CEI EN ISO/IEC 17024 possono essere riconosciuti e volturati nel corrispondente metodo PND di cui al prospetto 11.

 

 

I corsi di formazione/addestramento e le sessioni d’esame per la “Certificazione del personale tecnico addetto all’esecuzione delle prove non distruttive nel campo dell’ingegneria civile e dei beni culturali ed architettonici”, da ora in poi, dovranno essere svolte nel rispetto della nuova UNI 11931.

 

I vantaggi di un sistema di certificazione “armonizzato”

I vantaggi di un sistema "armonizzato", come quello introdotto dalla UNI/PdR 56:2019 ed ora dalla UNI 11931:2024, sono numerosi e possono essere riassunti nei seguenti punti principali:

  • le competenze vengono verificate sulla base di evidenze oggettive;
  • la certificazione di terza parte garantisce indipendenza, imparzialità e trasparenza.
    Anche i benefici di un sistema di certificazione del personale sono palesi e consistono, principalmente, nel:
  • mettere a disposizione del mercato operatori qualificati, in grado di operare professionalmente secondo norme tecniche nazionali ed internazionali riconosciute;
  • spingere il tecnico alla continua attualizzazione delle competenze;
  • contribuire ad elevare gli standard di qualità di tutta la filiera di processo;
  • fornire evidenza oggettiva della corretta gestione aziendale del personale e dei processi di controllo;
  • attribuire credenziale tecnica oggettiva delle capacità del personale, requisito cogente ai sensi delle direttive comunitarie europee;
  • fornire un presidio legale a tutela della responsabilità dei/delle laboratori/società che eseguono prove e controlli.
    Tale sistema “armonizzato” consentirà di avere contezza ed aggiornamento continuo delle certificazioni nella banca dati di ACCREDIA.

Per scaricare l’articolo devi essere iscritto.

Iscriviti Accedi

Certificazione

Articoli che riguardano gli schemi di certificazione e marcatura, da quella dei prodotti ai sistemi e persone.

Scopri di più

Controlli

News e approfondimenti sull’importante tema dei controlli nel settore delle costruzioni e sull’evoluzione normativa che ne regola l’attuazione.

Scopri di più

Professione

Tutto quello che riguarda l’attività professionale: la normativa, le informazioni dai consigli nazionali e dagli ordini, la storia della...

Scopri di più

Leggi anche