Isolamento Acustico | Pavimenti per Interni | Pavimenti radianti | TECNASFALTI SRL
Data Pubblicazione:

Sistemi radianti e acustica: il connubio perfetto per la massima efficienza del pavimento

In presenza di un sistema di riscaldamento a pavimento rimane fondamentale l’inserimento di un materassino resiliente che assolve la funzione acustica e garantisce l’efficienza del sistema.

Isolamento acustico per i sistemi radianti a basso spessore e a bassa inerzia

Sono ormai molto diffusi sul mercato sistemi radianti a basso spessore e a bassa inerzia, in quanto i vantaggi che queste soluzioni offrono sono molteplici: alta efficienza, rapidità di entrata in temperatura, ingombri ridotti, oltre al fatto che si tratta oggi del sistema più efficiente soprattutto se alimentato da pompe di calore.

Per questa serie di motivi è presumibile che la diffusione di questi sistemi continui ad aumentare in maniera esponenziale, richiamando sempre di più l’attenzione di progettisti, installatori e utenti privati. L’introduzione di questi sistemi sul mercato ha portato alla conseguente necessità di fare chiarezza tra gli stessi, esigenza che è stata recepita dall’UNI che, in una recente norma (la UNI EN 1264sis:2021) si è occupata di censire la maggior parte dei sistemi radianti presenti sul mercato, riservando ampio spazio alle soluzioni a basso spessore e bassa inerzia.

L’importanza di una corretta progettazione, anche acustica

Tali sistemi richiedono una accuratissima progettazione che tenga conto di tutti gli elementi costitutivi del pacchetto, a partire dal piano di posa su cui si intende realizzarli fino alla scelta della finitura. Anche l’installazione deve seguire passaggi precisi ed essere effettuata in maniera rigorosa: sappiamo infatti che una cattiva posa in opera svilisce le prestazioni del sistema.

Tutti i fattori, siano essi meccanici, termici, acustici e non da ultimo estetici devono essere considerati nel loro insieme per ottenere un risultato ottimale, e purtroppo non sempre le corrette informazioni su tutti i passaggi e le competenze necessarie sono reperibili sul cantiere.

Particolarmente delicato è il tema acustico legato a questi sistemi: il rispetto dei requisiti acustici indicati dal DPCM 5/12/97 è infatti un obbligo di legge, e il criterio di verifica non è documentale, ma affidato ad una misura strumentale realizzata in opera (direttamente in cantiere e a fine lavori) da parte di un tecnico competente in acustica che deve essere iscritto all’Albo Nazionale.

Per le stratigrafie orizzontali tradizionali, con massetti di spessore elevato e di massa superficiale ≥ 60 kg/m2, è possibile affidarsi a formule di calcolo normate dalla UNI EN 12354-2. Ma per i sistemi composti da pannelli radianti a bassa inerzia e massetti a basso spessore/bassa massa superficiale queste formule non risultano altrettanto affidabili: non è facile quindi per il progettista stimare risultati acustici e identificare pacchetti costruttivi che risultino realmente efficaci in opera.

Struttura con impianto radiante tradizionale e massetto con spessore > 5 cm

Struttura con impianto radiante a bassa inerzia con massetto a basso spessore

Struttura con impianto radiante a bassa inerzia e strato resiliente sotto pavimento

Pacchetti certificati su sistemapavimento.it

Poter disporre di pacchetti descritti in ogni dettaglio dei quali siano già state fatte misure acustiche in laboratorio o in opera è certamente un grande vantaggio per chi si occupa della progettazione ed installazione di questi sistemi.
Per aiutare i progettisti e gli installatori, Isolmant da tempo ha dato vita ad un sito dedicato Sistemapavimento  frutto del lavoro che l’azienda ha condotto negli ultimi anni in collaborazione con le più importanti aziende della filiera, produttori di sistemi radianti, di massetti e di pavimentazioni.

É inoltre di recentemente pubblicazione un manuale tecnico , redatto in collaborazione con ANIT, dedicato alla descrizione di pacchetti a basso spessore e bassa inerzia con un focus sull’acustica.

Consapevole dell’importanza di dare indicazioni chiare, univoche e normate per l’applicazione di questi sistemi, che rappresentano il presente ma soprattutto il futuro del comfort abitativo, Isolmant sta portando avanti una attiva e fattiva collaborazione con l’associazione AIPPL (Associazione Italiana Posatori Pavimenti in Legno) per definire le migliori pratiche di installazione dei pavimenti in legno su tali sistemi, ed una analoga collaborazione è già stata discussa con ASSOPOSA per le pavimentazioni ceramiche, specialmente quelle di grande formato e basso spessore associate ai sistemi radianti. Tutto questo in comunione con le attività condotte da Q-Rad, Consorzio Italiano Produttori di Sistemi Radianti, di cui Isolmant è Partner Sostenitore.

Sia il sito web che il manuale presentano in successione una serie di stratigrafie o “pacchetti” descritti in tutti i loro dettagli costruttivi, riportandone alla fine il risultato acustico.

Protagonista di molti di questi pacchetti è il prodotto Isolmant IsolTile Classic, che in virtù della sua versatilità può essere installato sia come sotto massetto sottile che come sotto pavimento, in abbinamento con parquet o ceramica.

Pacchetti completi con risultati certificati

Facciamo di seguito l’esempio di alcuni pacchetti costruttivi a basso spessore con presenza di pannello radiante.

1) Massetto a basso spessore con sistema radiante Tipo A

Con un pacchetto di questo tipo, grazie all’inserimento di Isolmant IsolTile al di sotto del massetto, si ottiene un miglioramento acustico pari a ΔLw: 14 dB (valore certificato).

2) Materassino resiliente posato al di sotto di un pavimento in legno

Con un pacchetto di questo tipo, grazie all’inserimento di Isolmant IsolTile al di sotto del pavimento in legno, si ottiene un miglioramento acustico pari a ΔLw: 16 dB (valore certificato).

Valori certificati e valori in opera

Occorre sottolineare che il risultato di laboratorio, per esempio il ∆Lw di 16 dB ottenuto da IsolTile con pavimento in legno incollato, non può essere preso e trasferito in cantiere assumendo che anche nella specifica stratigrafia oggetto di intervento il ∆Lw sia esattamente lo stesso. In opera le condizioni sono variabili, soprattutto in fase di riqualificazione è importante sottolineare che la tipologia di situazione esistente determina anche il risultato che si andrà ad ottenere, dando per scontata una corretta posa in opera.

Il risultato di laboratorio può essere definito un risultato neutro, che in opera spesso viene addirittura superato. Questo perché se la stratigrafia di partenza è particolarmente debole e deficitaria dal punto di vista dell’isolamento acustico, maggiore sarà il risultato dopo l’inserimento di un valido materiale resiliente.

Come si vede ad esempio in questo intervento di risanamento realizzato con IsolTile AD il ∆Lw ottenuto è ben superiore ai 16 dB ottenuti in laboratorio: abbiamo infatti un ∆Lw di 22 dB che permette alla stratigrafia di raggiungere un valore conforme alla normativa vigente.

(Isolmant)

SCOPRI TUTTE LE SOLUZIONI ISOLMANT

Isolamento Acustico

Con questo TOPIC raccogliamo tutte le nostre pubblicazioni che riguardano l’isolamento e il comfort acustico: progettazione, particolari costruttivi, analisi dei problemi e individuazione delle soluzioni di intervento, evoluzione normativa, soluzioni tecniche del mercato, i pareri degli esperti.

Scopri di più

Pavimenti per Interni

Tutto quello che riguarda le pavimentazioni per interni: il design, i materiali e le soluzioni tecniche, gli accessori, la realizzazione, la...

Scopri di più

Pavimenti radianti

I sistemi radianti a pavimento per il riscaldamento e il raffrescamento, insieme ai soffitti e pareti radianti, sono una soluzione...

Scopri di più

Leggi anche