Concorsi di progettazione | Architettura | Progettazione
Data Pubblicazione:

Concorso di progettazione per Spezzano Albanese (CS): riqualificazione della piazza, parcheggio interrato, viabilità e stalli di sosta

Al via il concorso a due gradi per ridurre il traffico automobilistico, riqualificare lo spazio pubblico, rinnovare l'arredo urbano e della pavimentazione nella zona interessata, ad oggi segnata dal degrado urbano e crisi del commercio di vicinato, con l'obiettivo di elevare la qualità della vita dei cittadini, promuovere lo sviluppo turistico e l'occupazione. Il bando è in fondo all'articolo nella sezione Allegati.

Viabilità, rinnovo arredo urbano, parcheggio interrato e riqualifica della piazza: gli interventi da realizzare per il concorso

Il Comune di Spezzano Albanese, in provincia di Cosenza, ha deciso di bandire un concorso di progettazione per la riqualificazione superficiale di piazza della Repubblica. Contestualmente si dovrà studiare la realizzazione di un parcheggio interrato, a due piani, e l'organizzazione della viabilità e degli stalli di sosta su via Nazionale, dal civico 117 al 263.

Il progetto dovrà mirare a una riduzione del protagonismo delle auto e un rinnovo dell'arredo urbano e della pavimentazione nella zona interessata, attualmente segnata da degrado urbano e crisi del commercio di vicinato, con l'obiettivo di elevare la qualità della vita dei cittadini, promuovere lo sviluppo turistico e l'occupazione.

Il costo stimato per la realizzazione dell'opera, comprensivo degli oneri della sicurezza, al netto di I.V.A. è di € 3.200.000,00 al netto di IVA.

Il costo totale stimato del presente concorso è pari a € 278.505,76 al netto di IVA.

Le scadenze

La presentazione della domanda di partecipazione e l'invio degli elaborati e della documentazione di 1° grado è possibile dal 30 gennaio 2023 al 13 febbraio 2023 mentre la presentazione elaborati progettuali e la documentazione di 2° grado è possibile dal 22 marzo 2023 al 4 aprile 2023.

Chi può partecipare 

Possono partecipare al presente concorso, in forma singola o associata, i soggetti di cui all’articolo 46 del Codice e tutti gli operatori economici abilitati in forza del diritto nazionale a offrire sul mercato servizi di ingegneria e di architettura, che non incorrano nei motivi di esclusione di cui all’articolo 80 del Codice. Ai soggetti costituiti in forma associata si applicano le disposizioni di cui agli articoli 47 e 48 del Codice.

I raggruppamenti temporanei sono ammessi anche se non ancora costituiti.

Alla rete di imprese, rete di professionisti o rete mista si applicano le disposizioni di cui all’articolo 48, in quanto compatibili.

È fatto divieto ai concorrenti di partecipare al concorso in più di un raggruppamento temporaneo o consorzio ordinario di concorrenti o aggregazione di operatori aderenti al contratto di rete (nel prosieguo, aggregazione di rete), ovvero di partecipare al concorso anche in forma individuale qualora abbia partecipato al concorso medesimo in raggruppamento o consorzio ordinario di concorrenti. È vietato al concorrente che partecipa al concorso in aggregazione di rete, di partecipare anche in forma individuale.

Gli operatori economici retisti non partecipanti al concorso possono presentare offerta, per il medesimo concorso, in forma singola o associata. La violazione di tale divieto comporta l’esclusione dal Concorso di tutti i concorrenti coinvolti.

I consorzi stabili sono tenuti ad indicare, in sede di presentazione della proposta d’idee, per quali consorziati il consorzio concorre; a questi ultimi è vietato partecipare, in qualsiasi altra forma, al presente concorso. In caso di violazione del divieto, sono esclusi dal concorso sia il consorzio sia il consorziato; in caso di inosservanza di tale divieto si applica l’articolo 353 del codice penale.

Nel caso di consorzi stabili, i consorziati designati dal consorzio per la presentazione della proposta di idee e del relativo progetto di fattibilità, oltre che dell’eventuale progetto definitivo ed esecutivo, non possono, a loro volta, a cascata, indicare un altro soggetto per l’esecuzione di quanto sopra. Qualora il consorziato designato sia, a sua volta, un consorzio stabile, quest’ultimo indicherà in gara il consorziato esecutore.

Le aggregazioni di rete (rete di imprese, rete di professionisti o rete mista) rispettano la disciplina prevista per i raggruppamenti temporanei in quanto compatibile.

Il ruolo di mandante/mandataria di un raggruppamento temporaneo può essere assunto anche da un consorzio stabile ovvero da una sub-associazione, nelle forme di un consorzio ordinario costituito oppure di un’aggregazione di rete.
L’impresa in concordato preventivo con continuità aziendale può concorrere anche riunita in raggruppamento temporaneo purché non rivesta la qualità di mandataria e sempre che le altre imprese aderenti al raggruppamento temporaneo non siano assoggettate ad una procedura concorsuale.

Gli elaborati richiesti per il primo grado 

Gli elaborati richiesti per il primo grado sono:

  • relazione tecnico-illustrativa, di massimo 6 facciate A4, contenente le caratteristiche funzionali, tecniche, gestionali, economico finanziarie dei lavori da realizzare, mettendo in evidenza i concetti espressi graficamente, con particolare riferimento ai criteri di valutazione indicati nel presente bando-disciplinare di gara;
  •  almeno 4 tavole grafiche contenente la rappresentazione dell’idea progettuale, mediante schemi planimetrici, schemi funzionali ed eventuali rappresentazioni tridimensionali degli spazi.

Gli elaborati richiesti per il secondo grado

Gli elaborati richiesti per il secondo grado sono:

  • relazione generale;
  •  relazione tecnica, corredata da rilievi, accertamenti, indagini e studi specialistici;
  • relazione di verifica preventiva dell’interesse archeologico (art. 28 comma 4 del D.Lgs. 42/2004, per la procedura D. Lgs. 50/2016 art. 25, c. 1) ed eventuali indagini dirette sul terreno secondo quanto indicato nell’art. 25, c. 8 del D.Lgs.50/2016;
  • studio di impatto ambientale;
  • relazione di sostenibilità dell’opera;
  • rilievi plano-altimetrici e stato di consistenza delle opere esistenti e di quelle interferenti nell’immediato intorno
    dell’opera da progettare;
  • elaborati grafici delle opere, nelle scale adeguate;
  • computo estimativo dell’opera, in attuazione dell’articolo 32, comma 14 bis, del Codice;
  • quadro economico di progetto;
  • schema di contratto;
  • capitolato speciale d’appalto;
  • crono-programma;
  • piano di sicurezza e di coordinamento, finalizzato alla tutela della salute e sicurezza dei lavoratori nei cantieri, ai sensi del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modificazioni ed integrazioni, nonché in applicazione dei vigenti accordi sindacali in materia;
  • stima dei costi della sicurezza;
  • piano preliminare di manutenzione dell’opera e delle sue parti;
  • piano preliminare di monitoraggio geotecnico e strutturale.

Il montepremi

Il concorso prevede un montepremi così distribuito:

  • 1°classificato € 25.000,00 da intendersi anche quale onorario per il Progetto di Fattibilità Tecnica Economica (PFTE)
  • 2° classificato € 5.000,00
  • 3 ° classificato € 2.500,00

Valore stimato per l'eventuale affidamento dei successivi livelli di progettazione, definitivo ed esecutivo, comprensivo degli oneri previdenziali e al netto di IVA € 246.005,76.

Per saperne di più


Per rimanere sempre aggiornato, registrati al sito di INGENIO


Allegati

Leggi anche