Concorsi di progettazione | Architettura | Progettazione
Data Pubblicazione:

Concorso di progettazione per la valorizzazione del sistema dei laghi del Sarcidano nel sud Sardegna

CONCORSO SCADUTO - Il concorso a due gradi per il progetto di riconoscimento e di definizione di una nuova identità del territorio incentrato nella regione dei laghi del Sarcidano nella provincia del Sud Sardegna. Il bando completo è in fondo all'articolo nella sezione Allegati.

Bando di concorso: nuova identità nella regione del Sarcidano

Il tema progettuale che l’Amministrazione provinciale del Sud Sardegna propone per il concorso, è il riconoscimento e la definizione di una nuova identità del territorio che, incentrato nella regione dei laghi, comprende la regione storica del Sarcidano.

Il territorio oggetto del presente intervento conserva una integrità del paesaggio dove gli abitati e i siti di interesse storico culturale convivono armonicamente con i boschi, le terre coltivate e il lavoro delle aziende agropastorali che nel loro insieme e nelle diverse stagioni dell’anno, offrono colori diversi e appaganti suggestioni.

In particolare l’obiettivo sarà quello di realizzare una rete di itinerari ciclopedonali che consenta di accedere ai laghi artificiali del Mulargia, del Flumendosa e di San Sebastiano, dedicati al traffico non motorizzato, in grado di connettere le popolazioni con le risorse del territorio e con i centri di vita degli insediamenti urbani.

Il costo stimato per la realizzazione dell'opera, comprensivo degli oneri della sicurezza, è di € 4.750.000,00 al netto di I.V.A.

Le scadenze 

>> Sei ancora in tempo per iscriverti!  La chiusura delle iscrizioni e contestuale invio elaborati e documentazione amministrativa di 1° grado è fissata al 24 gennaio 2023. L'invio elaborati e documentazione amministrativa 2° grado è fissata al 22 febbraio 2023 e la scadenza al 22 marzo 2023.

Chi può partecipare

Possono partecipare al concorso gli operatori economici in forma singola o associata ai sensi dell’art. 46, comma 1, del Codice, che non siano soggetti alle cause di esclusione di cui all’art. 80 del medesimo Codice e che siano in possesso dei seguenti requisiti di idoneità professionale:

  • professionisti iscritti, al momento della partecipazione al concorso di progettazione, al relativo albo professionale previsto dai vigenti ordinamenti, ovvero abilitati all’esercizio della professione secondo le norme dei Paesi dell’Unione europea cui appartiene il soggetto;
  • società di ingegneria e Società tra professionisti iscritti nel registro tenuto dalla Camera di commercio industria, artigianato e agricoltura.

Gli elaborati richiesti per il primo grado

Gli elaborati richiesti per il primo grado sono:

  • relazione illustrativa – massimo 2 facciate in formato A4 – orientamento verticale – carattere Times New Roman di dimensione 12, per un massimo di 8.000 battute spazi compresi. La relazione metterà in evidenza i concetti espressi graficamente, con particolare riferimento ai criteri di valutazione indicati nel bando. Non sono ammessi schemi grafici e immagini;
  • relazione di coerenza – massimo 2 facciate in formato A4 – orientamento verticale – carattere Times New Roman di dimensione 12, per un massimo di 8.000 battute spazi compresi. La relazione descrive la coerenza della proposta ideativa con la scheda di progetto –“Scheda di indirizzo approvata con delibera commissariale del 15/03/2022 n.40” e con il DIP (che costituisce implicita verifica di coerenza con i limiti di costo delle opere);
  • n. 1 tavola grafica – formato UNI A1 con scala libera di rappresentazione – orientamento orizzontale – tecnica rappresentativa libera in bianco e nero e/o colori – stampa su una sola facciata –, contenente la rappresentazione dell’idea progettuale che si intenderà sviluppare nel 2° grado, mediante schema planimetrico, schemi funzionali e rappresentazioni tridimensionali (realizzate mediante grafica e/o immagini di plastico di studio).

Gli elaborati richiesi per il secondo grado

Gli elaborati richiesti per il secondo grado sono:

  • relazione illustrativa – massimo 4 facciate in formato A4 – orientamento verticale – carattere Times New Roman di dimensione 12, per un massimo di 16.000 battute spazi compresi. La relazione metterà in evidenza i concetti espressi graficamente, con particolare riferimento ai criteri di valutazione indicati nel bando. Non sono ammessi schemi grafici e immagini.
  • relazione di dettaglio – massimo 8 facciate in formato A4 – orientamento verticale – carattere Times New Roman di dimensione 12 per un massimo di 32.000 battute spazi compresi contenente la descrizione di rispondenza della proposta progettuale al rispetto del principio di non arrecare danno significativo all’ambiente (DNSH), secondo quanto previsto dalla circolare 30 dicembre 2021 n. 32 del Ministero dell’economia e delle finanze – scheda check list 1 allegata alla circolare;
  • n. 4 Tavole grafiche numerate da 1 a 4 in basso a destra – formato A1 – orientamento verticale –tecnica rappresentativa libera in bianco e nero o a colori; stampa su una sola facciata con gli elaborati richiesti dal bando.

Il montepremi

Il concorso prevede un montepremi complessivo di € 35.018,04.

Tale somma sarà così distribuita:

  • 1° classificato: € 23.018,04 pari al 65,74% dell’onorario del progetto di FTE di cui € 10.000,00 quale anticipo parziale per la realizzazione del progetto di FTE al netto di oneri previdenziali ed I.V.A (se dovuti); € 13.018,04 importo da corrispondere a saldo al vincitore DOPO approvazione del Legge Regionale 04.02.2016, n.2 recante “Riordino del sistema delle autonomie locali della Sardegna” progetto FTE;
  • 2°, 3° classificato: € 6.000,00 (valore complessivo € 12.000,00) al netto di oneri previdenziali ed I.V.A. (se dovuti).

Per saperne di più

Allegati

Leggi anche