a
INGENIO » INGENIO n.53 » Vulnerabilità sismica di ponti ad arco in muratura mediante modelli con travi a fibre
Vulnerabilità sismica di ponti ad arco in muratura mediante modelli con travi a fibre
16/05/2017
Alessandro Doglio
Le strutture ad arco in muratura sono state largamente impiegate sino al secolo scorso per la costruzione di infrastrutture viarie ed edifici.
Di conseguenza, considerando la loro attuale diffusione in tutto il territorio nazionale, si può affermare che dalla loro resistenza e stabilità dipende il funzionamento di numerosi collegamenti stradali e ferroviari esistenti. Dal momento che gli archi in muratura erano progettati per resistere principalmente a sollecitazioni statiche derivanti dal peso proprio e dai carichi accidentali, si rende necessario affrontare anche il problema della vulnerabilità sismica di tali strutture.
In questo articolo verrà descritta l’analisi sismica di ponti ad arco in muratura tramite l’adozione di modelli numerici ad elementi finiti. In particolare, si analizza l’approccio con travi a fibre per la determinazione dei meccanismi di collasso e l’applicazione dell’analisi cinematica contemplata dalla NTC- 08 e relativa Circolare esplicativa n. 617/2009 (C8A.4.1).
L’adozione di elementi a fibre nella valutazione del meccanismo di collasso di un arco in muratura nasce dall’esigenza di trovare un buon compromesso tra accuratezza della soluzione e costi computazionali contenuti. Con l’adozione di elementi a fibre, infatti, è possibile condurre analisi non lineari che tengono conto del legame costitutivo non lineare che caratterizza la muratura abbinandolo alle semplificazioni derivanti dall’adozione di elementi monodimensionali di tipo “beam”.
Per valutare l’attendibilità dell’approccio proposto, si analizza dapprima un arco circolare in muratura ad una campata di cui si dispone della soluzione teorica ottenuta con il metodo analitico dell’analisi cinematica. Si passerà poi all’analisi di un caso reale di un ponte ad arco in muratura multicampata.
 
Arco circolare singola campata
Si considera dapprima un arco in muratura con le caratteristiche rappresentate in Figura 1. Si tratta di un arco circolare con raggio interno di 1.80 m, spessore di 14 cm e apertura complessiva di 160°.
 
Nel modello numerico si schematizza la geometria dell’arco mediante 56 elementi rettilinei di trave la cui sezione è discretizzata in 30 fibre (strati). I vincoli sono costituiti da incastri alle reni e i carichi sono applicati come forze puntuali in corrispondenza dei baricentri delle masse di ogni elemento.

Al fine di riprodurre le stesse condizioni assunte nel metodo dei meccanismi, non viene considerato alcun fenomeno dissipativo ed il materiale assegnato alle fibre ha resistenza infinita a compressione e nulla a trazione, mentre la sua rigidezza è sufficientemente alta da poter essere considerata infinita. 

[...] continua la lettura nel pdf.


Articolo tratto dal numero 15 di Structural Modeling.
Leggi gli altri numeri cliccando qui.
Per maggiori informazioni sulla soluzione software innovativa Midas Gen clicca qui .
Articolo letto: 4961 volte
Eventi in Primo Piano
Dagli Ordini
Edilmatic soluzioni antisismiche per la prefabbricazione
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter
Scarica L'APP di Ingenio