Il Presidente dell'Ordine degli Ingegneri incontra il candidato a Sindaco Placido Bramanti

Oggi 19/06/18 incontro tra il Candidato a Sindaco Placido Bramanti e lo scrivente Presidente dell'O.I.M. Francesco Triolo.

Persona perbene, distinta e molto cordiale.

Ha voluto fortemente incontrarmi per condividere il suo pensiero e attestarmi l’importanza dell’Ordine degli Ingegneri con una Sua Sindacatura.

Si sono affrontati diversi temi a carattere specialistico e di organizzazione della “macchina tecnica e burocratica” del Comune.

Redazione di un nuovo PRG, rivisitazione della zona Q, interventi programmati con Piani Attuativi sulle ex zone ASI e ZIS, problematiche negli uffici.

Questi gli argomenti discussi.

Anche Lui come il suo “competitor” credono che una “rinascita” della città debba tener conto della fattiva collaborazione dell’Ordine degli Ingegneri.

Permettetemi di fare delle considerazioni personali sui due candidati.

de-luca-bramanti-19-300x225.jpg

Ho voluto fortemente evitare delegazioni o gruppi di ascolto.

Ho “imposto” un dialogo a “quattrocchi” per avere la percezione delle capacità dei miei interlocutori.

Alla fine dei due incontri mi sono convinto che Messina comunque vada sarà ben rappresentata.

Due personaggi completamenti diversi, che nella loro diversità costituiscono due modi di pensiero sicuramente vincenti.

De Luca o semplicemente Cateno (come ama farsi chiamare) è un “ingegnere per antonomasia”.

Intelligente, matematico e combattente.

Bramanti ricalca perfettamente la figura del “medico”.

Ti trasmette sapienza, tranquillità e sicurezza.

Cari De Luca e Bramanti, ho avuto la fortuna di conoscerVi fuori dai riflettori e lontano da osservatori e potenziali elettori.

Sono sicuro che chi tra Voi due vincerà il confronto, sarà un ottimo Sindaco.

L’Ordine degli Ingegneri al termine della competizione elettorale sarà pronto a dare un grande contributo alla città, in una prospettiva di crescita condivisa, cercando di portare alti i valori "della Tecnica e della Cultura”.

Viva Messina e Viva l’Ordine degli Ingegneri.