LEGISLAZIONE LAVORI PUBBLICI

28/07/2020 9279

Approfondimento sulle norme relative agli appalti pubblici

Ultimi articoli pubblicati:

27.07.2020: Collegio consultivo tecnico: rischia il flop, urge restyling in sede di conversione

Il Decreto semplificazioni n. 76 del 16 luglio 2020 introduce la possibilità, ed in alcuni casi l’obbligo, di utilizzare un Collegio consultivo tecnico per risolvere questioni controverse inerenti all’esecuzione dei contratti diretti alla realizzazione di opere pubbliche e anche per affrontare problematiche preliminari alla fase di esecuzione del contratto. Ecco le analisi e le riflessioni di Sara Valaguzza

27.07.2020: La tormentata ricerca della Semplificazione in edilizia

Con questo articolo Ermete Dalprato avvia una serie di riflessioni sul tema della semplificazione normativa, del cosiddetto snellimento della burocrazia, in un momento in cui tramite decreti Leggi, e relative conversioni, testi unici e provvedimenti vari si sta cercando di cambiare le regole relative all'edilizia privata e agli appalti pubblici.

09.07.2020: Cosa non funziona nel sistema degli appalti pubblici e come cambiarlo: flessibilità, pragmatismo e collaborazione

Riflessioni di Sara Valaguzza su una riforma del sistema degli appalti pubblici,a partire da un concetto forte: non è cambiando le norme che si troveranno soluzioni per uscire dalla crisi della burocrazia.

09.06.2020: Le norme BIM nella bozza del nuovo Regolamento Appalti: un'analisi del testo

Parte delle disposizioni del Decreto 560/2017 (il cosiddetto “Decreto BIM”) sono state riportate nella bozza del Regolamento Appalti. In attesa del testo finale del Regolamento, Rota Angelo e Andrea Versolato fanno un primo commento in “corso d’opera” e si soffermano su alcune significative novità.

28.05.2020: Nel Nuovo Regolamento dei Lavori Pubblici dov’è finito il Dirigente Responsabile della Programmazione?

La nuova Bozza di Regolamento del Codice dei Contratti Pubblici è da qualche giorno in circolazione e la sua importanza è tale che merita uno studio approfondito. Quel che balza agli occhi è che l’aspettativa della capacità realizzativa delle opere pubbliche è tutta concentrata sull’”uomo solo al comando” sulla singola opera, dimenticando che la Pubblica Amministrazione è una macchina complessa e il successo della sua attività risiede anche nell’organizzazione.

Così mentre il Responsabile del procedimento è chiamato in causa nel testo oltre duecento volte, la figura del Dirigente Responsabile della Programmazione (già voluto come Coordinatore Unico del Programma dall’originaria Legge Quadro) è citato quasi casualmente e marginalmente una volta sola. In un momento in cui si invoca la produttività della pubblica Amministrazione – che tutti condividono debba essere il motore della ripresa – forse sarebbe bene ripensare anche a strutturare la filiera organizzativa. Ecco l'analisi e le riflessioni di Ermete Dalprato

 

06.05.2020: ANAC - Vademecum per velocizzare e semplificare gli appalti pubblici durante l’emergenza Covid-19 e Fase 2

Nell’intento di assicurare tempi celeri per le procedure di affidamento in concomitanza con l’emergenza sanitaria in atto, e al contempo ridurre i rischi di irregolarità e contestazioni, l’Autorità Nazionale Anticorruzione ha realizzato un apposito vademecum per aiutare le amministrazioni ad effettuare appalti semplificati e in tempi rapidi. L’obiettivo è di fornire alle stazioni appaltanti una ricognizione delle norme attualmente in vigore, non solo per far fronte all’attuale stato emergenziale ma anche in tutte quelle ipotesi in cui si rendano necessarie, in presenza dei presupposti di legge, un’accelerazione o una semplificazione delle gare. Dallo Studio Valaguzza un'analisi e alcune riflessioni

04.05.2020: Covid-19 e contratti pubblici: l’esperienza inglese delle Procurement Policy Notes

Dallo Studio Valaguzza una disamina su come l’Italia, anche altri Paesi hanno previsto misure speciali per la gestione del sistema dei contratti pubblici a fronte dell’emergenza sanitaria causata dal Covid-19. 

24.04.2020: Precisazione sui chiarimenti resi dall’ANAC sulla sospensione delle gare pubbliche ex art. 103 del Cura Italia

A pochi giorni di distanza dalla pubblicazione della delibera n. 312 del 9 aprile 2020 e della segnalazione al Governo n. 4/2020 di pari data, l’ANAC interviene nuovamente sul tema della sospensione dei termini delle gare ad evidenza pubblica, introdotta dall’art. 103 del DL n. 18/2020 (c.d. Decreto Cura Italia), e poi prorogata fino al 15 maggio 2020 dall’art. 37 del DL n. 23/2020 (c.d. Decreto Liquidità), tornando su quanto in un primo momento aveva chiarito. Analisi dello Studio Valaguzza

12.04.2020: Cosa sarà degli extra oneri legati alle misure di prevenzione nel settore dell’edilizia?

Lo Studio Valaguzza analizza le problematiche legate alla sospensione dei cantieri, all’anomalo andamento dei lavori e ai maggiori oneri conseguenti, docute al succedersi delle disposizioni normative resesi necessarie per arginare la diffusione del fenomeno epidemiologico Covid-19. 

12.04.20: Covid-19: orientamenti della Commissione UE sugli appalti pubblici

Sulla Gazzetta Ufficiale Ue del 1° aprile 2020 è stata pubblicata la Comunicazione della Commissione avente ad oggetto “Orientamenti della Commissione europea sull’utilizzo del quadro in materia di appalti pubblici nella situazione di emergenza connessa alla crisi della Covid-19”. La Commissione spiega quali siano le opzioni e i margini di manovra possibili all’interno del quadro dell’UE in materia di appalti pubblici per l’acquisto di forniture, servizi e lavori necessari per affrontare la crisi epidemiologica. Lo scopo è quello di trovare “soluzioni rapide e intelligenti” all’enorme aumento della domanda di beni e servizi necessari per fronteggiare la crisi sanitaria causata dal Covid-19. Analisi dello Studio Valaguzza

29.01.2020: Il Collaudo Tecnico Amministrativo dei Lavori Pubblici

Il Collaudo Tecnico Amministrativo dell'esecuzione di Lavori Pubblici rappresenta una fase molto importante della costruzione di un'opera, in quanto attesta che questa per dimensioni, forma, qualità e quantità e dei materiali utilizzati, è conforme ed in linea al contratto d'appalto stipulato tra la stazione appaltante e l'impresa aggiudicataria. Nell'approfondimento proposto da Guido Caposio un'attenta disamina del quadro normativo vigente, del ruolo del collaudatore, delle fasi operative dell'azione collaudativa nonche di numerosi altri aspetti relativi all'argomento.

 


Codice dei Contratti, Codice degli Appalti, Legge Delega, Testo Unico, Decreto BIM, Regolamento Unico, Soft Law ANAC ... la Legislazione sui Lavori Pubblici in grande fermento

Lavori Pubblici: un settore che dopo aver operato per oltre un secolo (dal Regio Decreto n. 350 del 1895 alla prima Legge Merloni del 1994) con una rara continuità normativa consolidatasi nel tempo, per così dire, mattone su mattone, sta vivendo negli ultimi venticinque anni un fermento normativo continuo al limite della bulimia.

L’evoluzione tecnologica, la necessità dell’adeguamento alle direttive europee, l’esigenza di trasparenza e legittimità dell’operare motivano certamente l’esigenza di rinnovamento intorno a questo settore, ma mettono in campo esigenze ed interessi non sempre convergenti che stanno dando luogo ad una legislazione non sempre coerente, a volte affrettata, parziale e con rapidi cambiamenti di rotta, che sta disorientando gli operatori. E certamente non aiuta ad accelerare i lavori di un settore di grande rilevanza per l’economia del Paese e delle sue imprese.

Quello dei Lavori Pubblici rischia così di diventare terreno di scontro piuttosto che palestra di approfondimento e di contemperamento dei diversificati aspetti che caratterizzano la materia.

Quest’Area di Legislazione, Normativa e Prassi sarà luogo sistematico di confronto delle diverse posizioni e di commento alle evoluzioni normative cercando di dare orientamento ed ausilio operativo ai soggetti interessati.

Articoli

Il Magazine

Sfoglia l'ultimo numero della rivista Ingenio

Newsletter Ingeio

Seguici su