SI ACADEMY: parte al Campus Federiciano di San Giovanni la prima edizione dei corsi per 24 giovani ingegneri

si-academy_iniziati-i-corsi.jpg

L'anno prossimo un nuovo bando permetterà ancora a giovani ingegneri di talento di accedere a un percorso formativo gratuito di alta specializzazione nell’ambito della concezione, gestione e monitoraggio delle infrastrutture stradali e autostradali, mirato anche all'ingresso lavorativo in Autostrade. L'annuncio durante la cerimonia inaugurale dei corsi della SI Academy (Smart Infrastructures Academy), frutto della partnership tra l’Università degli Studi Federico II di Napoli e Tecne, società del Gruppo Autostrade per l’Italia (in sigla Aspi), in materia di formazione, didattica, ricerca e sviluppo. La cerimonia di apertura dei corsi si è svolta nel pomeriggio di giovedì 28 ottobre nel campus Federiciano di San Giovanni a Teduccio, dove ha sede la nuova struttura formativa.
L'inaugurazione della nuova Academy (che si aggiunge alle numerore già attive nel polo di San Giovanni a Teduccio), rientra nel progetto ASPI “Autostrade del Sapere”, un’ampia strategia di partnership con i più importanti atenei nazionali, tra le iniziative di valorizzazione e ampliamento delle competenze previste nell’ambito del piano di trasformazione del Gruppo.
 

OBIETTIVO SICUREZZA
La SI Academy di San Giovanni a Teduccio nasce anche con l’obiettivo di migliorare la sicurezza delle infrastrutture viarie, mediante la formazione e l'aggiornamento di risorse umane. L
e selezioni delle candidature per l’accesso ai corsi (raccolte tramite bandi rivolti a studenti laureati in ingegneria) hanno visto ricadere la scelta su 24 giovani neolaureati e 12 dipendenti del Gruppo (tra ASPI, Tecne e Tangenziale di Napoli), che potranno così aggiornare le proprie competenze seguendo un programma specifico. I corsi hanno durata semestrale, mentre l'intesa siglata a maggio scorso - proposta all'Ateneo dal Dipartimento di Strutture per l'Ingegneria e l'Architettura della Federico diretto da Andrea Prota - ha durata triennale (il testo dell'accordo quadro è consultabile e scaricabile QUI ). Il Professor Prota è anche responsabile scientifico dei corsi della nuova Academy.

MANFREDI: STRATEGIA VINCENTE CHE SI SVILUPPA
La sinergia tra università e grandi aziende, mirata anche a garantire opportunità occupazionali ai neolaureati, è una strategia su cui la Federico II ha puntato da tempo, come ha ricordato il Sindaco di Napoli ed ex Rettore Gaetano Manfredi, intervenuto alla cerimonia. Con Manfredi presente alla cerimonia anche il neo Assessore alla Mobilità e Infrastrutture, Professor Edoardo Cosenza, delegato da Manfredi e confermato dalll'attuale Rettore Matteo Lorito allo sviluppo del polo universitario di San Giovanni a Teduccio.
Prima della cerimonia, Cosenza ha accompagnato i partecipanti in una breve visita ai cantieri in piena attività che stanno trasformando l'ex sito industriale Cirio di Corso Protopisani in una cittadella della conoscenza e della ricerca, modello di eccellenza e di efficiente utilizzo di risorse finanziarie europee.
si_academy_tour-nel-cantiere.jpgAlla cerimonia inaugurale delle attività didattiche, a cui hanno preso parte anche tutti i giovani ingegneri allievi dei corsi, sono stati dedicati servizi giornalistici televisivi del TgR Campania e dell'Agenzia Sì Comunicazione, che fornisce materiali giornalistici a un pool di emittenti private locali.
 

La coesistenza tra il mondo degli studenti e il mondo dei professionisti - che insieme potranno ricevere gratuitamente una formazione d’eccellenza - rientra appieno nella filosofia della SI Academy che parte dal presupposto che la sinergia tra i due universi (ossia impresa e accademia) sia fondamentale per la crescita professionale e aziendale. Grazie a questa iniziativa, il Gruppo Autostrade per l’Italia (che in Campania conta più di 1.000 dipendenti) potrà tra l’altro contare su un “bacino di giovani talenti” da cui attingere per le nuove assunzioni previste dal Piano industriale di ASPI. Inoltre i corsi della nuova Academy rispondono anche all’esigenza di qualificare risorse per gli interventi strategici previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (in sigla PNRR) per la ripartenza dell'Italia dopo l'emergenza da Covid-19.
In base all’accordo, la Federico II darà un contributo rilevante in termini di competenze tecnologiche, nei settori della progettazione di nuove opere, nel monitoraggio e nella valutazione della sicurezza delle infrastrutture esistenti, oltre che nel potenziamento della rete.
L’Ateneo fornirà inoltre supporto nell’uso e nello sviluppo di tecnologie digitali studiate per la sicurezza della rete autostradale gestita da ASPI. Una collaborazione reciproca che interviene dunque nell’ambito di diverse aree tematiche: dai sistemi di trasporto e mobilità integrata alla digitalizzazione dei processi di progettazione, fino allo sviluppo di progetti di intelligenza artificiale applicata alla mobilità.


TOMASI E PROTA: OPPORTUNITA' PER I GIOVANI
“Il sapere è fattore strategico di sviluppo ed è questa l’essenza dell’iniziativa avviata con la prestigiosa Università Federico II di Napoli”, afferma l’Amministratore delegato di Autostrade per l’Italia, Roberto Tomasi. “Il fatto di avviare questo percorso a Napoli - continua - assume un significato ancor più importante: l’azienda sceglie dunque di scommettere sui talenti del Sud. In generale, nel complesso percorso di trasformazione avviato a inizio 2020 dalla nostra azienda, la sinergia con il mondo delle università è tassello fondamentale. Partiamo infatti dal presupposto - aggiunge Tomasi - che coltivare le competenze delle persone sia indispensabile per affrontare le sfide del futuro, tra sostenibilità e innovazione tecnologica”.
E il responsabile scientifico dei corsi, Professor Andrea Prota, sottolinea come questa operazione "offra a giovani ingegneri civili di talento la possibilità di occupazione qualificata nel nostro Paese e dunque contribuisce, sia pure in piccola parte, a ridurre il fenomeno della cosiddetta 'fuga dei cervelli' che vede tanti nostri giovani costretti ad espatriare per spendere con profitto l'esperienza formativa accumulata".

LORITO: ACADEMY, UN MODELLO EFFICACE E INTEGRATIVO
“La Smart Infrastructures Academy rientra nelle azioni intraprese nel percorso di collaborazione tecnico-scientifica tra Federico II e ASPI”, dichiara il Rettore dell’Università degli Studi Federico II di Napoli, Matteo Lorito. “Il format adottato - aggiunge Lorito - è molto flessibile e garantirà sia il lifelong learning delle figure professionali già presenti in azienda, sia la formazione avanzata ed il reclutamento di giovani laureati. L’obiettivo è duplice: consentire di aggiornare e di formare i profili tecnici che potranno garantire ad ASPI di portare avanti un’azione costante per la sicurezza delle infrastrutture è una grande opportunità perché include giovani nostri laureati o laureandi, ma anche personale che andrà in azienda.
Il nuovo percorso didattico, ricorda Lorito, "parte in un giorno particolare. Perché è appena stato approvato al Senato il DDL sulle lauree abilitanti. Ciò vuol dire che stiamo andando nella direzione giusta: portare i ragazzi sempre più vicini al mondo del lavoro, in modo che possano trovare lavoro e dare un vero contributo al paese, specialmente nella prospettiva del PNRR".
Insomma, "il modello delle Academy - conclude il Rettore - funziona, è una preparazione che non sostituisce ma integra il percorso tradizionale”.


COLLABORAZIONE PRODUTTIVA
SI Academy concretizza dunque una produttiva collaborazione scientifica nel supporto alla didattica, nel finanziamento di borse di studio e la gestione di tirocini formativi che vede impegnata operativamente con le strutture dell’ateneo anche la società Tecne del gruppo Autostrade, che vede impegnati come Presidente Ennio Cascetta e come Amministratore delegato Stefano Susani.
Tecne svolge attività di progettazione, ingegneria e direzione lavori e rappresenta uno dei tasselli strategici del Piano di Trasformazione di ASPI: un piano industriale da 21,5 miliardi complessivi, tra investimenti e ammodernamento della rete, che si basa sulla sicurezza e l’efficientamento delle infrastrutture, nell’ottica di una mobilità sostenibile e dell’implementazione dei servizi offerti.


---------------------------

Segui ogni giorno l'Ordine degli Ingegneri di Napoli e le sue attività anche: