La Sicurezza nelle costruzioni "Targata Wurth"

dsc_0268.JPG

La Wurth leader mondiale nei sistemi di montaggio e fissaggio e soprattutto sulla sicurezza è da oltre un anno e mezzo patner importante di Ingenio Messina.

Durante il corso formativo "sismico" tenutosi all'Hotel Baia Taormina il 7 e 8 Novembre è stato tra gli sponsor dell'iniziativa.

Ha partecipato direttamente con la presenza di un proprio relatore: l'Ing. Marco Costanzo che ha avuto modo di parlare della

"Sicurezza nelle Costruzioni"

Tematica quanto mai attuale, anche se tuttavia ancora oggi, “sottovalutata”, nonostante la normativa regionale risalga al 2012.

Sovente infatti capita di imbattersi in progetti o richieste di linea vita dozzinali o molto superficiali, per il solo ed unico scopo di avere un documento valido ad ottenere l’autorizzazione del caso.
La normativa, a partire dalla 81/08, definisce chiaramente le responsabilità in seno alla sicurezza degli operatori che effettuano lavori in quota e, passando per le norme di riferimento (UNI 11578:2015 e UNI 11560:2014).

Il tecnico può avere un quadro ancora più preciso e dettagliato di come scegliere, dimensionare e progettare una linea vita che possa rendere sicuro il transito e l’operatività su una copertura.
Un ruolo importante è rivestito inoltre da coloro che installano materialmente i componenti, per i quali è richiesto un fissaggio strutturale e quindi una dichiarazione di responsabilità sulla corretta posa in opera.

In generale questo non presuppone alcun specifico corso o attestazione, ma esclusivamente le competenze tecniche e professionali di società operanti nel settore della cantieristica.
Altro fattore determinante è la scelta ed il corretto uso dei DPI, necessari anzi fondamentali per un percorso di sicurezza.

Fattore primario è la formazione per l’utilizzo dei dispositivi di terza categoria.

Nello specifico servirebbero, sempre di più, corsi ad hoc per il corretto uso delle linee vita.

Il tutto perché il tecnico può anche progettare la migliore soluzione possibile ma a niente vale se poi l’operatore non la sa “leggere” e quindi utilizzare nel giusto modo.
In questa ottica, grande valenza “educativa”, come sempre, può essere rivestita dalla figura tecnica che partendo dall’idea, andando alla progettazione, passando infine per la verifica e la corretta realizzazione di una linea vita può dare un contributo determinante alla salvaguardia della sicurezza dei lavoratori.

ANCHE L'ING. MARCO COSTANZO CI HA FORNITO LE SLIDE CHE SI ALLEGANO IN PDF

wurtt22.jpg